Una nuova avventura per mister Francesco Del Zotti. Il giovane allenatore, che tanto bene aveva fatto a Sambuceto nelle stagioni scorse, siede da qualche ora sulla panchina della Virtus Ortona.  Dopo il pari con la Val Di Sangro al debutto nel girone C di Promozione, 1-1, la Virtus è pronta alla prima in casa contro l’Union Fossacesia.

Queste le prime parole di Del Zotti: «La motivazione che mi ha spinto ad accettare l’offerta della Virtus Ortona risiede in pochi punti: la grande voglia della società di avermi e di credere in me e la volontà di investire nel mio modo di fare calcio per poter raggiungere i vari obiettivi attraverso idee di gioco concrete».

A proposito delle mete da raggiungere: «Non ci poniamo limiti, la cosa più importante che mi prefiggo è quella di far rendere la squadra al 100% delle potenzialità. Tutto il resto verrà da sé».

Campionato strano ed arduo quest’anno, questo il pensiero del tecnico: «I gironi con meno squadre purtroppo non permettono passi falsi e rendono i punti davvero molto pesanti. Ma è una condizione che accomuna tutti, non credo che possa agevolare o penalizzare qualcuno. La situazione anomala dovuta al Covid-19 non la commento neppure più, ormai ci stiamo abituando a protocolli, mascherine, docce contingentate e quant’altro».

Infine, il pensiero per chi lo accompagnerà lungo questo nuovo percorso: «Voglio ringraziare il mio staff: Francesco Mazzocchetti, Lorenzo D’Alessio e Lorenzo Serano. Sono prima di tutto degli amici e poi degli ottimi professionisti. Daranno tutto per la causa della Virtus Ortona».