La Vastese esce con un punto e qualche rimpianto dalla trasferta insidiosa di Castelfidardo (match valevole per il recupero della settima giornata). L’equilibrio nella prima frazione di gioco viene “rovinato” da i padroni di casa che trovano il vantaggio al 27’ con la rete di Braconi, bravo in spaccata a beffare Di Renzo, finalizzando un’ottima trama di gioco sviluppata dai biancoverdi. Gli aragonesi non demordono e, quasi allo scadere del primo tempo (47’), riacciuffano i locali grazie al nuovo arrivato Barbarossa. Fa tutto l’ex Trastevere che si mette in proprio e, con il mancino, indovina l’angolo giusto e necessario per superare David. Debutto da ricordare per il nuovo acquisto biancorosso, in gol alla sua prima presenza da titolare con la maglia della Vastese.

Nella ripresa, gli uomini di D’Adderio proseguono sulla stessa scia con cui avevano concluso la prima metà del match e si rendono pericolosi più volte dalle parti di David. Nel finale, i biancorossi sfiorano il colpaccio con l’argentino Martinez. L’attaccante sguscia via alla retroguardia marchigiana e lascia partire un tiro da posizione ravvicinata che si infrange contro il palo. Aragonesi che premono sull’acceleratore e costruiscono altre due palle gol in chiusura. La prima con Di Filippo che da buona posizione spedisce fuori e la seconda con Di Prisco, il cui tiro viene respinto in due tempi da David.

Al “Galileo Mancini” di Castelfidardo finisce, dunque, 1-1. Un punto che consente ai padroni di casa di allungare a sei la striscia positiva e di mantenere inespugnato il proprio fortino. Un pareggio utile più per il morale che per la classifica, invece, per la Vastese. I biancorossi continuano a rimandare l’appuntamento con la vittoria (l’ultima è datata 18 ottobre nel derby vinto di misura con il Pineto) e ad essere invischiati nella zona rossa della classifica. Nel prossimo turno, Di Filippo e compagni saranno di scena all'”Aragona”, dove riceveranno la visita del Vastogirardi.

Andrea Spaziani

Rubriche