Seconda gara consecutiva con l’amaro in bocca per la Vastese di Massimo Silva, che a questo punto dell’anno avrebbe potuto insidiare i piani altissimi della classifica. Dopo la X contro l’Agnonese, i biancorossi sbattono contro l’ostacolo Aprilia 3-3 nonostante il doppio vantaggio a pochi minuti dalla fine. Match deciso dall’ex Juventus Ruben Olivera in pieno extratime. Vastese che sale a 8 punti in graduatoria, a -2 dai playoff mentre i biancazzurri vanno a quota 3. Nell’altra partita del girone F, agevole 3-0 della Recanatese sul Rieti.

La cronaca

Avvio equilibrato, è la Vastese a farsi viva per prima con una punizione dalla lunga distanza di Obodo che viene neutralizzata da Manasse. Minuto 22 e la squadra biancorossa, in trasferta, fa un passo avanti nel punteggio con il guizzo di Bernardi ben innescato dal compagno di squadra Gentile. Ancora Bernardi in gol al 32′ di testa ed è 2-0. Ad inizio ripresa il team laziale riapre i giochi e lo fa con un tocco in area di Aglietti (50′), ma il solito Bernardi elude la linea difensiva e deposita in fondo al sacco il tris abruzzese al 55′. I ragazzi di Silva provano ad addomesticare la gara, ma restano in 10 per il rosso a Valerio. Il finale di gara è un horror movie per Abazi e compagni: prima De Marco accorcia su corner (39′) e poi Ruben Olivera, al 91′, insacca sul palo lontano una punizione dal limite e regala un punto all’Aprilia, beffando la Vastese. Domenica prossima, 6 dicembre, c’è l’ostica trasferta di Castelfidardo, ora gli aragonesi non possono più perdere punti per strada.

Nicolas Maranca

Rubriche