Prende il via, seppur a distanza, il nuovo corso dell’Università Degli Studi di Teramo dedicato alla formazione della nuova classe dirigente sportiva. Con il benvenuto del Magnifico Rettore Dino Mastrocola, è stato inaugurato il master in di primo livello in Comunicazione e politiche per lo sport. 

Una nuova avventura

Il corso, patrocinato dal Coni, è dedicato alla memoria di Giuseppe Sorgi, presidente dei corsi di laurea precedentemente istituiti nella sede distaccata di Atri. Nel corso della lezione inaugurale, la Presidente della Fondazione “Luciano Russi” ha annunciato l’intento di voler donare ad UniTe la raccolta personale dei libri sullo sport del professor Russi, ex Rettore dal 1994 al 2005.

Le lezioni inaugurali del Master sono state tenute da Adolfo Noto, docente di “Sport e Relazioni internazionali” e da Luigi Mastrangelo, coordinatore del corso e docente di “Storia sociale e politica dello sport“.

Le parole del professor Luigi Mastrangelo

«Il Master intende formare professionisti che sappiano inserirsi nei variegati ruoli della dirigenza delle società sportive o che sappiano rapportarsi ad esse come referenti di aziende operanti in settori correlati, ma anche come interlocutori istituzionali di enti pubblici o di federazioni sportive. Essendo quello sportivo un universo sociale ed economico complesso e in continua evoluzione, il corsista dovrà essere dotato degli strumenti e delle conoscenze per decodificarlo con un ampio sguardo che coniughi una visione culturale e umanistica alle sempre più pressanti esigenze di comunicazione, marketing, strategia organizzativa e reperimento di risorse che costituiscono le incombenze tipiche alle quali gli operatori del settore devono oggi saper far fronte con competenza, professionalità e spirito d’iniziativa, in una competizione non dissimile da quella degli atleti sul campo, che mantenga però sempre ben delineati limiti etici e responsabilità giuridiche, in un quadro istituzionale di riferimento, che comprende oltre istituzioni pubbliche e private, le specifiche organizzazioni e federazioni che governano lo sport nella sua autonomia».

[Foto di copertina di Wesley Tingey da Unsplash]

Nicolas Maranca

Rubriche