Sarà una partita speciale quella di domani per Andrea Clementoni. L’attuale DS della Torrese, ex Nereto, vedrà proprio le due compagini sfidarsi in campo domenica, in un match valido per la seconda giornata del campionato di Eccellenza.

«Sarà una sfida speciale» ha commentato Clementoni «una gara difficile contro un avversario ostico che si è rafforzato molto sul mercato. Ci auguriamo di fare una buona partita e di essere ad un ottimo livello fisico. Per me è una sensazione strana e particolare affrontare il Nereto, in quanto è la squadra del mio paese e mia ex società di appartenenza. Ritrovo con piacere il presidente Filippo Di Antonio, con il quale ho ancora oggi un attimo rapporto».

Nuova vita alla Torrese ora per il direttore sportivo: «Questa nuova avventura è sicuramente stimolante per me. La Torrese è una società importante e sono contento di ciò che stiamo facendo, si lavora ogni giorno a 360° gradi con il presidente Giandomenico Rondolone, Romolo Maiorani, Giuseppe Di Ferdinando e tutti i dirigenti. Abbiamo uno staff tecnico di livello eccezionale, da mister Cristofari a tutti i preparatori atletici, che hanno fatto un lavoro eccellente in una situazione – causa Covid – difficile anche dal punto di vista della preparazione fisica. Spero di togliermi, insieme alla squadra, tante soddisfazioni. La Torrese ha l’obiettivo di fare un buon campionato, sappiamo che ci sono squadre costruite per vincere ma noi vogliamo ben figurare, senza temere nessuno. Vogliamo arrivare più in alto possibile, cercando anche di valorizzare i nostri ragazzi, soprattutto i più giovani».