Dopo il debutto vincente in Coppa Abruzzo (2-0 sul campo della Victoria Cross Ortona), il Tollo si prepara ad affrontare l’incontro di ritorno (in programma sabato alle 15:30 al “Di Pillo”) e l’inizio del campionato di Prima Categoria.

Ai nostri microfoni è intervenuto l’allenatore dei viola, Antonio Marcucci. «Sabato scorso abbiamo fatto il nostro esordio in coppa, vincendo 2-0 contro il Victoria Cross Ortona, ma la prestazione non mi ha soddisfatto per niente» ha dichiarato il tecnico «dopo un precampionato ricco di prestazioni e spunti veramente positivi contro squadre di categoria superiore, ora abbiamo fatto un passo indietro. Buono il risultato ovviamente, ma dobbiamo fare sicuramente meglio in campionato. Contiamo di lavorare sugli errori in settimana. Non possiamo permetterci prestazioni insufficienti in un torneo che si prospetta tosto, siamo 11 squadre e quindi ci aspetta anche una classifica molto corta: basta un errore e ti ritrovi sotto. Le favorite a mio parere sono Rapino, Francavilla, Popoli e Manoppello. Outsiders pericolose come Rosciano e Guardiagrele. Il calendario non è molto importante a mio avviso, prima o poi dovremo affrontarle tutte».

Marcucci ha anche commentato il mercato della società: «È stata una sessione che definirei oculata, abbiamo fatto pochi acquisti ma buoni, riconfermando soprattutto quasi tutta la squadra. Abbiamo preso nel reparto offensivo Luca Di Meo dal Vacri, con trascorsi anche in Promozione ed Eccellenza. Ci siamo rinforzati con Benjamin Diompy Bouba, Antonio Grossi a centrocampo dalla Virtus Ortona, Alex Zolfanelli dalla Ripa Teatina».

Quali obiettivi avrà il Tollo? «Vogliamo come tutte migliorare il piazzamento dello scorso anno, siamo arrivati sesti nello scorso torneo. Dobbiamo cercare di vincere ogni domenica in modo tale da capire dove possiamo arrivare. Inutile ora dire di voler vincere il campionato o di voler fare i play off, è ancora presto e vogliamo costruirci le nostre certezze piano piano. Diciamo che l’obiettivo è, per così dire, crearci un nostro obiettivo nei prossimi mesi, determinare da soli la nostra forza e le nostre speranze».