Inizia la stagione anche per lo Sporting Pianella, dopo il ripescaggio in Seconda Categoria. Ai nostri microfoni è intervenuto il numero uno della società, Paolo Morelli, che ha subito commentato il recente approdo nella quarta serie regionale: «Non posso che essere soddisfatto ed orgoglioso di questo prestigioso traguardo, raggiunto dopo un solo anno dalla presentazione della nostra prima squadra. Tale riconoscimento ci riempie di gioia, una gioia che ha sostituito la grande amarezza dettata dallo stop dello scorso campionato per i motivi a noi tutti noti, in un periodo per noi molto soddisfacente (4 vittorie nelle ultime 4 giocate prima della sospensione) e che ha visto i nostri ragazzi, dall’età media molto bassa, prendere confidenza con il calcio degli adulti dopo un normale periodo iniziale di ambientamento».

Lo Sporting Pianella sta per iniziare la stagione, ma con quali obiettivi? «Il nostro obiettivo, come sempre, è quello di valorizzare i ragazzi che provengono dal nostro settore giovanile, coadiuvati da qualche elemento più esperto che rappresenta per tutti un valore aggiunto, sia dal punto di vista strettamente calcistico che di temperamento ed esperienza. Ci aspettiamo di continuare la crescita costante che ha visto protagonisti i nostri ragazzi, fiduciosi di dar loro tutti gli strumenti necessari per farli esprimere al meglio, ringraziamo nell’occasione i responsabili tecnici della nostra prima squadra, Mister Camillo del Grande e Mister Fiorenzo Patricelli. Ci aspettiamo innanzitutto di mantenere la categoria in un girone dall’elevata competitività e con società storiche che hanno calcato palcoscenici ancora più prestigiosi. Non ci poniamo limiti ma rimaniamo concentrati su noi stessi e sul nostro processo di crescita che passerà per questo primo anno in un campionato di seconda categoria». 

Il numero uno gialloblù ha anche commentato la sessione di mercato della società: «Il mercato per noi è abbastanza semplice da portare avanti, avendo una scuola calcio/settore giovanile abbiamo l’opportunità ogni anno di incrementare gli atleti destinati alla prima squadra grazie ai ragazzi che escono dalla categoria juniores o prendere, come avvenuto già lo scorso anno e come accadrà anche quest’anno, ragazzi pienamente in età per giocare addirittura ancora nella juniores. Un piccolo dato per confermare ciò, nella nostra prima squadra dello scorso anno, oltre metà rosa era composta da giocatore che ancora oggi sono in età per giocare con la juniores. La nostra filiera è quindi reale, basti pensare che proprio per promuovere questo percorso condiviso le compagini in essere (prima squadra e juniores) si allenano assieme, non solamente nella stessa fascia oraria ma proprio insieme. A margine di ciò ci fa piacere però segnalare che si sono avvicinati a noi anche ragazzi delle zone limitrofe di Pianella e siamo stati felicissimi di renderli partecipi del nostro progetto. C’è un forte attaccamento verso questi colori e questa società, difatti molti ragazzi, cercati anche da società di categoria superiore, hanno deciso di rimanere con noi, per cui ogni nostro atleta è per noi un grande acquisto. Ci tengo, infine, a salutare tutti i vostri lettori e a ringraziare la vostra redazione per il tempo che dedica alla nostra società ed al mondo dilettantistico abruzzese».