La Riforma dello sport è realtà. Prima della scadenza del 28 febbraio che l’avrebbe spedita nel dimenticatoio, il Cdm ha approvato i 5 articoli fatti precedentemente passare dal Governo Conte 2. Tante le reazioni dal mondo sportivo, soprattutto da quello di base. Su tutti spicca il pensiero del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia.

Il commento del numero uno della LND

«Il calcio di base ha ricevuto un altro duro colpo, come se non bastassero già gli effetti terribili della pandemia. Con l’approvazione dei decreti di riforma dello sport, concepiti dal precedente esecutivo, vengono ancora una volta penalizzate le società dilettantistiche, a cominciare dall’abolizione del vincolo. Vorrei anche ricordare a chi gioisce per questa presunta rivoluzione che senza le ASD non esisterebbero neanche i lavoratori sportivi. E tutto ciò arriva mentre stiamo faticosamente creando le condizioni per far ripartire alcune delle nostre attività».

Nicolas Maranca

Rubriche