Il calcio prova a ripartire. Negli ultimi giorni, i singoli comitati regionali sono impegnati in incontri virtuali con le società che rappresentano il livello di Eccellenza. Tutte le ipotesi proposte verranno valutate il prossimo 5 febbraio nel Consiglio di Lega, la principale è quella che vuole equiparare Eccellenza e Serie D, adattando il protocollo vigente e tutte le norme anti contagio. Tra gli interrogativi, c’è il lato economico per la spesa da affrontare per tamponi e sanificazioni.

Ha provato a tracciare una linea il Ministro Vincenzo Spadafora, ipotizzando, non in maniera astratta, finanziamenti provenienti direttamente dal Governo (Clicca qui). Subito è arrivato il parere del Presidente della LND Cosimo Siblilia, che ha dichiarato: «La ripresa dell’Eccellenza sarebbe un fatto positivo. Per questo, da diversi giorni, tutti i Comitati Regionali sono stati chiamati dalla LND ad elaborare le proposte di svolgimento e conclusione del massimo campionato regionale – ha confermato il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, in ordine alla prospettiva di veder inserita anche l’Eccellenza tra le competizioni di interesse nazionale – Come LND realizzeremo una sintesi al prossimo Consiglio Direttivo, in programma il 5 febbraio. In ogni caso, se ci sarà il via libera da parte delle autorità competenti ci faremo trovare pronti. Bisogna però chiarire bene l’impegno economico, perché quando si parla di tamponi e test chi sarà in grado di sostenere questi costi? Le società sono allo stremo e la LND senza attività non ha risorse da mettere sul piatto. Mentre assistiamo a nuovi annunci di contributi alle società sportive dilettantistiche da parte del Governo: sarà davvero la volta buona?». 

Nicolas Maranca

Rubriche