Torna in campo la Serie D, con la settima giornata, che vedrà in scena 4 abruzzesi su 5. Nulla da fare, come noto, per la Vastese, che avrebbe dovuto giocare in casa del Castelfidardo, ma il Covid ha bloccato la squadra marchigiana. Si tratta del primo turno dopo la lunga pausa forzata, con una nuova calendarizzazione stabilita in settimana dalla LND (Leggi qui).

Il derby

Sarà una sfida da non fallire per entrambe quella del “Mariani – Pavone” tra Pineto e Real Giulianova. I biancazzurri, forti del nuovo innesto Minincleri (qui la notizia), vogliono incrementare il bottino di 8 punti fin qui raccolti e cercano una vittoria che manca dal 2-1 sul Vastogirardi (11 ottobre). Dall’altra parte c’è un Real Giulianova col coltello tra i denti visti gli ultimi risultati. L’ultimo posto in classifica obbliga i giallorossi a vincere, per non perdere altro contatto dalle rivali. Una sessione di mercato che, fin qui, non ha regalato nuovi innesti, se non la partenza del centrocampista Di Lollo, direzione Agnonese.

La sfida delle sfide

L’attendono tutti, anche se ci si immaginava ben altro momento. Campobasso – Notaresco è il match clou di giornata e tra i più desiderati dell’intero campionato. Un punto in vantaggio in classifica (14 a 13), i teramani hanno la ghiotta chance di allungare in vetta contro la squadra dell’ex Cudini. In casa, 10 gol fatti, zero subiti e 3 vittorie su 3 per i molisani, con anche due 4-0 all’attivo. La truppa di Epifani, che in uno dei recuperi ha piegato 5-0 l’Aprilia e che in trasferta ha centrato due successi su 3, si affida alla vena realizzativa di Dos Santos e all’ottimo start di campionato di Banegas.

La Cenerentola vuole diventare certezza

Il Castelnuovo impressiona per continuità di rendimento e per fame di vittorie ed ora può imporsi in modo autorevole nel suo primo campionato interregionale. La squadra di Guido Di Fabio fa visita al Matese, fermo a 4 punti in classifica arrivati contro Agnonese (4-0) ed Aprilia (0-0). Due ko su 3 gare interne per la squadra di Piedimonte Matese, con la presenza in zona playout che è sempre più un peso per Abreu e compagni. I neroverdi, trovato Croce sul banco del mercato, si affidano al carisma ed alla qualità di D’Egidio e compagni per incrementare il bottino di 12 punti che porta la neopromossa a ridosso dell’altissima classifica.

Nicolas Maranca

Rubriche