L’ultimo turno di andata del girone F di Serie D vede un protagonista inatteso che rovina i piani e i calendari di molte squadre. Stiamo parlando delle precipitazioni nevose degli ultimi giorni che, di fatto, hanno cancellato 4 match su 10: Campobasso-Pineto, Castelfidardo-Fiuggi, Notaresco-Porto Sant’Elpidio e Vastogirardi-Tolentino. In compenso, però, si è giocato il derby tutto abruzzese tra Castelnuovo Vomano e Real Giulianova e la sfida interna della Vastese contro la Recanatese.

Un Castelnuovo straripante

Non ci sono più aggettivi per descrivere il campionato fantastico vissuto dal Castelnuovo Vomano. I neroverdi si portano a casa i tre punti nel derby contro il Real Giulianova, consolidano il secondo posto alle spalle del Campobasso e centrano la seconda vittoria su 4 in match giocati contro squadre della stessa regione (un mese fa il trionfo in casa della Vastese). Il Real non riesce a dare continuità al successo infrasettimanale a Montegiorgio e continua ad occupare il terz’ultimo posto. Nel primo tempo i giallorossi si rendono pericolosi in tre circostanze con tiri da fuori che impegnano Natale: prima con Massetti, poi con De Cerchio e, infine, con Tedone. Al 44′ l’episodio della svolta: D’Egidio va giù dopo un contatto con De Cerchio. Nonostante le vibranti proteste ospiti, per l’arbitro Capriuolo di Bari è calcio di rigore. Dal dischetto lo specialista Loviso non sbaglia e mette a segno il suo ottavo gol in campionato. Nella seconda frazione di gioco, gli uomini di Di Fabio raddoppiano subito (52′) con Lorenzo Emili: il trequartista sguscia via alla difesa giuliese, entra in area e fa partire un sinistro che, complice anche una deviazione, non lascia scampo a Calzetta. Al 64′ ancora Emili firma la sua doppietta personale con un gol alla “Del Piero”: tiro a giro dai 20 metri sotto al sette e portiere battuto. I giallorossi accorciano il passivo all’84’ grazie a Paudice, caparbio nel raccogliere un pallone vagante in area neroverde e a battere in scivolata Natale. Nel finale Sbarbati (86′) e Bregasi (94′), entrambi di testa, portano il risultato sul definitivo 5-1.

Magic moment Vastese

Continua a funzionare la cura D’Adderio in casa Vastese. I biancorossi, all’Aragona, superano la Recanatese (2-0) e infilano la terza vittoria consecutiva. Un mese da urlo per la Vastese che, con il successo odierno, porta a 7 la striscia di risultati utili e vede la zona playoff lontana un solo punto. In un campo reso pesante dalla neve, a prendersi la scena è il giovane attaccante Blue Samuel Mamona. L’incontro si apre subito con i leopardiani pericolosi dalle parti di Di Rienzo con Pezzotti e Pera. I padroni di casa rispondono, un minuto più tardi, con l’occasione capitata sui piedi di Martinez. L’argentino in piena area giallorossa prova la conclusione, stoppata dalla provvidenziale uscita di De Chirico. È ancora l’estremo difensore di Giampaolo a superarsi al quarto d’ora sul tiro al volo di Di Prisco. La gara si sblocca al 39′: lo stesso Di Prisco crossa dalla destra e trova la testa di Mamona che schiaccia e beffa De Chirico. La ripresa si apre con un altro intervento del portiere giallorosso sulla bordata di Martinez. Al 65′ il neo entrato e arrivato Titone (ex Castelnuovo) cade in area, reclamando il penalty. Non dello stesso avviso il direttore di gara che lascia proseguire. Due minuti più tardi è la Vastese a protestare per il gol annullato per fuorigioco a Di Prisco. Al 70′ la Recanatese va vicina al gol con la punizione dai 25 metri di Pera che trova la risposta in corner di Di Rienzo. I marchigiani restano in 10 al 77′: Candidi travolge duramente Di Prisco e si prende il cartellino rosso. La Vastese si difende con ordine e al 91′ trova il 2-0 con il contropiede da manuale di Mamona che si fa tutto il campo e, freddissimo, batte per la seconda volta De Chirico.

Andrea Spaziani

Rubriche