LOGO CAMPIONATO SECONDA CATEGORIA girone CL’Arsita non va oltre il pari casalingo e consente all’Angelese di allungare al comando, fregiandosi del contemporaneo, ed ambitissimo titolo di “campione d’inverno”. I teramani, che alla vigilia dell’ultima giornata di andata, ospitavano il Teramo Stazione, hanno infatti rimediato un solo punto. Nonostante il vantaggio realizzato dal solito Andrea Pancione, i biancazzurri vengono riacciuffati da Marcoionni e perdono terreno nei confronti della capolista. Cui basta un acuto, dopo appena 4′ di gioco, di Giuseppe Fanì (nella foto), per aver ragione, tra le mura amiche, dell’Atletico Passo Cordone.

Giuseppe Fanì
Giuseppe Fanì

Al terzo posto irrompe, a suon di gol, il Cellino Calcio. Che sbancando il campo della Real Anthos Pescara, travolta dalle reti di Nicola De Patre (autore di una doppietta), Sacchetti e Di Francescantonio, si porta a quota 28, scavalcando e staccando di una lunghezza il Real Castelnuovo Guardia Vomano, fermo per il turno di riposo obbligatorio.

Ed a proposito di Real, non meno fortunata la domenica del Bellante, tornato a mani vuote dal campo dei Warriors Soccer. Decisiva, per i padroni di casa, la prodezza del neo 31enne Mattia D’Ambrosio, che consente ai pescaresi, attualmente ultimi, di rilanciarsi in ottica salvezza.

Vincenzo Di Pentima
Vincenzo Di Pentima

L’altra vittoria interna di misura la mette a segno il Città di Penne, chiudendo così una prima metà di stagione ben al di sotto delle aspettative della vigilia. A decidere il confronto con il Gagarin Teramo una rete dell’evergreen Vincenzo Di Pentima (nella foto), 46 anni il 21 gennaio prossimo…

Gol a grappoli ed emozioni, invece, in Bisenti-Cologna Calcio, conclusasi con un salomonico pareggio e tre reti per parte: di Biferi, Di Domenico e D’Orazio quelle messe a segno dai padroni di casa, mentre per la formazione del presidente Marco D’Emilio sono andati in gol Andreoli (due volte) e Bellachioma.

L’ultima annotazione riguarda il colpaccio del Castiglione Val Fino, che violando il campo del Roseto 1920 (utile solo per le statistiche l’acuto di Quaranta), superato dalle reti di De Santis e Romanelli, guadagna a spese del già citato Real Bellante, la quinta piazza.