Storie che si intrecciano e lo faranno per sempre, quelle della famiglia Del Grosso e del calcio giuliese. Storie che, per ora, si distanziano, a conferma dei rumors dei giorni scorsi. Dopo l’addio di Cristiano Del Grosso, terzino ex Pescara e Atalanta che è tornato tra i professionisti qualche settimana fa, ora saluta anche mister Federico. Fatale il ko interno con l’Aprilia, che ha dato ai giallorossi la settima sconfitta su 10 gare. 5 i punti in cassaforte per il Real Giulianova nel girone F di Serie D, troppo pochi, secondo la società, per proseguire il rapporto con una vera e propria bandiera dello sport locale.

Dopo aver vissuto l’alba della sua carriera in riva all’Adriatico, giocando in C1 fino al gennaio 2004, Del Grosso aveva fatto ritorno a Giulianova due volte, in C2 e in D, tra il 2012 e il 2014. Poi la ripartenza da zero della squadra del Presidente Bartolini, impossibile dire di no alla fascia di capitano della squadra del cuore, anche se in Promozione. Una nuova scalata, dal 2016/2017, verso la D, con due campionati vinti ed anche 5 gol all’attivo. Una storia che cambia nell’agosto 2019, quando a Del Grosso viene chiesto di prendere in mano la squadra, stavolta da allenatore. Prima una salvezza, nello scorso campionato, e poi l’attuale stagione, difficile, con molti cambi in rosa e poche certezze. Il gol di Ruben Olivera ha mandato ko il Real nell’ultima al “Fadini” e ha segnato l’epilogo della parentesi in panchina di Federico Del Grosso.

«La società desidera ringraziare mister Del Grosso per la professionalità dimostrata e l’impegno profuso durante il periodo di conduzione tecnica, augurandogli le migliori fortune», si legge nella nota del Real Giulianova, che ad ore ufficializzerà il nuovo allenatore.

Storie che si intrecciano e torneranno a farlo, con un Giulianova che oggi, però, deve necessariamente invertire la rotta.

Nicolas Maranca

Rubriche