L’Eccellenza è pronta a ripartire. 7 i club che scenderanno in campo in Abruzzo e tra questi anche la Renato Curi Angolana, che non resta a guardare le altre sul mercato ampliando ulteriormente l’organico. Ai microfoni di ACD, ne ha parlato il Direttore Generale Antonio Bucci.

Ripartenza

«La scelta di riprendere è stata data dalla forte volontà sia dei ragazzi che volevano assolutamente tornare in campo e sia dalla posizione della società che non si è sentita di tirarsi indietro. Sappiamo ovviamente i rischi e i pericoli che possono esserci in un momento così delicato. In questo nuovo girone a 7 squadre, tutti se la possono giocare, si riparte da zero. Chi ha deciso di ripartire, lo ha fatto con la consapevolezza di far bene e non sarà semplice per nessuno. Non è un campionato scontato, anche se poi se si va a vedere ci sono quelle due o tre squadre che si sono rinforzate maggiormente. Le gare sono poche, i margini di errore minimi, sarà una gran bagarre, anche perché ognuna delle partecipanti, essendo una vetrina davanti agli occhi dell’intero Abruzzo, non vuole assolutamente sfigurare».

Compattezza

«Chiaramente ci sarà uno spirito diverso in quelle squadre che hanno cambiato poco. Noi abbiamo voluto allungare la rosa perché riteniamo che in questo mini campionato, vuoi per il protocollo e vuoi per possibili infortuni, servono valide alternative. Non vogliamo trovarci in una situazione di criticità strada facendo. Il mister lavorerà con 25 giocatori e poi sarà lui a scegliere chi mandare in campo. Chi ha cambiato tanto, necessita sicuramente di qualche giornata in più per mettere la marcia giusta. Noi conosciamo i nostri ragazzi, sappiamo quel che possono darci».

Il mercato

«Ci sono dei movimenti che dobbiamo ancora chiudere. Abbiamo inserito in rosa l’attaccante 2001 Salvatore Festa che arriva dal Pineto, come Pantoni. Dalla Santegidiese torna con noi Luca Giammarino. Puntiamo soprattutto sui giovani, solo quest’ultimo è un over che abbiamo fortemente voluto e ne siamo orgogliosi».

Nicolas Maranca

Rubriche