Stessa storia, stesso posto, stesso bar. L’Eccellenza si ferma per la nuova ondata di Covid-19, ma i numeri della stagione attuale portano alle cronache i soliti grandi dati realizzativi dei top scorer del campionato. Parole non scritte a caso, perché chi è nella parte alta della classifica marcatori non è una novità nel panorama regionale.

Photo by Sven Kucinic on Unsplash

Il gol nel sangue

Trend da far invidia quello di Simone Miani, già in fuga con 10 centri segnati in 5 gare differenti. Due triplette (contro Villa 2015 e Bacigalupo Vasto Marina), una doppietta (contro il Casalbordino) e gol contro Nerostellati e Spoltore per l’ex Alba Adriatica. Con lui a segno, la Renato Curi Angolana ha trovato 8 punti sui 10 raccolti.

Non è da meno l’agguerrito Stefano Miccichè, a quota 7 fin qui. Due doppiette (contro Spoltore e Nereto) e gol contro Pontevomano, Bacigalupo e Penne. Dato ancor più incoraggiante per L’Aquila che, con lui a segno, ha vinto 5 volte su 5 per un totale di 15 punti raccolti sui 17 complessivi.

Non poteva partire meglio l’annata di Alessandro Pendenza, che con i 6 gol segnati fin qui ha già superato quota 50 con la maglia della Virtus Cupello. L’attaccante classe 1986 ha siglato una tripletta contro il Penne e poi reti con Spoltore, Acqua&Sapone e Torrese. I rosoblù confidano in lui: quando Pendenza va in gol sono solo vittorie, con 12 punti a referto grazie ai sigilli del bomber.

Le mine vaganti

La grande sorpresa è sicuramente Cristiano Verna, che da centrocampista fa le veci di un goleador e insidia la vetta della classifica marcatori. L’ex Lanciano è a 6 reti, trovate in 4 giornate differenti. Una tripletta, decisiva, contro la Bacigalupo Vasto Marina e gol contro Villa 2015, Pontevomano e Spoltore. Un gran peccato che la stagione si sia fermata proprio dopo il miglior avvio in carriera per lui.

L’uomo delle doppiette veste la maglia del Chieti ed è Guido Galli. Tre volte a segno con due reti, è appaiato al gruppo dei giocatori a quota 6. Pontevomano, Bacigalupo Vasto Marina e Spoltore freddate dal classe 1987, che porta punti quando va a centro (7 fin qui sui 10 della compagine neroverde).

Si sta facendo notare Manuel Spadafora, 6 volte in gol fino a questo punto. Due doppiette hanno portato 4 punti ai suoi, mentre i centri con Sambuceto e Casalboridno coincidono con il bottino massimo dei Nerostellati. Totale chiaro e rilevante: con lui a segno, i peligni hanno raccolto 10 punti.

Occhio agli outsider: se Petito e Letto sono conferme più che gradite (rispettivamente 5 e 4 gol), fari puntati su Alberto Cirelli del Capistrello e Lionel Spinola dell’Avezzano. Tra le sorprese, compare sicuramente Gabriel Petre, che torna nel massimo campionato regionale e trascina in alto Il Delfino Flacco Porto con 4 centri.

Nicolas Maranca

Rubriche