Terza giornata di campionato nel girone B di Promozione. Un solo anticipo di sabato, mentre tutte le altre gare si giocheranno domenica alle 15:30.

Prime a scendere in campo, New Club Villa Mattoni e Fontanelle. I vibratiani, una delle poche difese ad essere ancora a zero gol subiti fin qui, provano a mantenersi anche imbattuti con il terzo risultato utile consecutivo. Attenzione alla voglia di rivalsa dei giallorossi, che devono lasciarsi alle spalle il rocambolesco 2-3 incassato dal Silvi.

Torna lo storico derby tra Casoli e Hatria 1957. La squadra di mister Alfredo Di Marzio, che non ha giocato la precedente giornata contro il San Giovanni Teatino, riparte dall’ottimo debutto vincente contro il Mutignano. Umore alto per i ragazzi di D’Isidoro, reduci da 4 punti consecutivi e dal successo interno contro il Pianella.

Tutta da seguire la sfida tra Fater Angelini e Rosetana. I pescaresi, che sono partiti con due pareggi consecutivi, cercano il terzo risultato utile. Occhio ai biancazzurri di mister Vannucci, che hanno iniziato a correre dopo l’1-0 sul Miano. Negli ospiti assente los qualificato Spahiu.

Miano che, dopo aver incontrato i rosetani e il Morro D’Oro, ospita la Nuova Santegidiese per far bene. I biancorossi sono fermi ad un punto, mentre i vibratiani, ancora imbattuti, non vogliono farsi scappare la testa della classifica cercando di staccare le altre contendenti.

Il Mosciano di mister Bogliari è a quota 4 in classifica e non vuol farsi scappare l’occasione di restare imbattuto. Fin qui, i giallorossi sono stati tra i più convincenti per ritmo gara e mole di gioco prodotta. Arriva il San Giovanni Teatino, che riparte dallo 0-0 di Pianella in attesa di recuperare la gara col Casoli.

Dopo la sconfitta di Atri, ma con una reazione degna di nota, il Pianella apre le porte di casa al Morro D’Oro, che deve ancora trovare la vittoria ma che si presenta in terra pescarese con 2 punti.

Chiude il programma Silvi – Mutignano. I rossoblù, in netta ripresa dopo il 3-2 sul Fontanelle e con un’organico che può dire la sua, dovranno stare attenti alla voglia di riscatto dei mutignanesi, reduci da due pesanti sconfitte ma pronti a rialzare la testa.

Nicolas Maranca