LOGO CAMPIONATO PRIMA CATEGORIA girone AIl Moro Paganica legittima con una prova d’autore la sua attuale leadership solitaria, andando ad espugnare con un secco 0-3 il campo della rivale diretta Popoli. Tramortita dalle reti del 26enne centrocampista Alessandro Holzknecht (nella foto), autore di una bella doppietta, e del 21enne difensore Andrea De Santis, e scivolata dal possibile primato in classifica (ove le fosse riuscito di battere i biancorossi) all’odierno quinto posto.

Alessandro Holzknecht
Alessandro Holzknecht

 

 

 

 

 

 

 

La squadra allenata da Giovanni Centi Secatore farà bene però a guardarsi le spalle da un’orda di pretendenti, tutte racchiuse in un fazzoletto di punti, a cominciare dal duo attestato a quota 29. Si tratta della Fucense Trasacco, anch’essa vittoriosa in trasferta e col più classico dei punteggi. Vittima di turno il fanalino di coda San Pelino, condannato da un gol per tempo: il quindicesimo sigillo personale di Pasquale Moro, al quale, a metà ripresa, si aggiungeva l’acuto del 28enne Alessandro Angelini.

L’altra compagine attestata ad una lunghezza dalla vetta è il Tagliacozzo, lesto ad aggiudicarsi, in rimonta, l’impegno casalingo con il San Francesco. Dopo essere passati in svantaggio per la rete siglata, dal dischetto, dalla 25enne punta Sulayman Trawally, i marsicani ribaltavano il punteggio in loro favore grazie al micidiale uno-due del bomber Stefano Vitale (anch’egli a segno dagli undici metri) e del centrocampista Renato De Angelis.

Raffaele Mascigrande
Raffaele Mascigrande

Il quarto incomodo, non meno pericoloso, è il Villa San Sebastiano, reduce dalla positiva trasferta di Villa Sant’Angelo, caratterizzata dalla preziosissima doppietta del suo miglior uomo gol: il 28enne Raffaele Mascigrande (nella foto), che con le due reti di domenica tocca quota undici in stagione raggiungendo, al contempo, il significativo traguardo delle cento segnature in carriera!
Detto delle primissime, spazio alle retrovie, ed in particolare all’Ortigia, che battendo nettamente il Cesaproba (ridotto in dieci dall’espulsione  comminata al proprio difensore Manuele Pietrucci), compie un significativo passo avanti in classifica, balzando al quint’ultimo posto. Il tutto grazie alla verve, sotto porta, del solito Vittorio Mascitti (doppietta per lui), coadiuvato dal collega di reparto Matteo D’Agostino.

E mentre il Real Carsoli, trascinato da Matteo Fazzoli e Riccardo Ceci superava, in rimonta, il San Benedetto Venere (a segno col 21enne Davide Di Panfilo), lo Sportland Celano firmava il risultato più eclatante del turno appena andato in archivio: un pirotecnico 5-4 centrato sul campo della Virtus Barisciano. A cui non sono bastate, evidentemente, le segnature dei vari Michele Sommese (due volte in gol), Mario Boccabella e Massimiliano Cantera, per aver ragione del suo avversario. Che dopo la rete dell’iniziale vantaggio firmata, intorno alla mezz’ora, dal centrocampista Pierpaolo Pompili, si ripeteva in ben altre quattro occasioni: due ad opera di Sandro D’Agostino, ed una di Roberto Marianetti e del difensore Simone Taccone. Quest’ultimo autore del decisivo match-point, arrivato ad una manciata di minuti dal triplice fischio finale di una sfida davvero ricca di emozioni.