LOGO NOTIZIEColpo di fulmine in casa del Tossicia. Il cui direttore generale Emidio Di Giandomenico (nella foto) ha ufficializzato le proprie dimissioni dall’incarico. Inaspettate ed irrevocabili. Di Giandomenico ha comunque precisato che intende onorare sino a fine stagione gli impegni presi con sponsor e calciatori, ribadendo però la scelta di farsi da parte, per motivi legati alla mancanza progettualità da parte dell’Amministrazione Comunale, che ha dimostrato scarsa vicinanza alla società gialloverde.

Tra le promesse non mantenute, quella relativa alle strutture, che ha impedito alla squadra di usufruire del proprio impianto per oltre due stagioni, costringendola a disputare a Colledara le gare casalinghe.
Tutto ciò a causa dei perduranti lavori per dotare lo stadio di Tossicia di un campo in erba sintetica, che avrebbe dovuto essere pronto da tempo ed i cui ritardi hanno creato non poche difficoltà al club, impossibilitato a mantenere le promesse fatte ai giocatori, che si sono sentiti presi in giro.

Ecco perché, sia pur con grande rammarico, Di Giandomenico si vede costretto a lasciare il sodalizio gialloverde: una sconfitta personale, la sua, che non potrà mai essere ricucita.