Weekend perfetto per l’Ovidiana Sulmona, che torna a vincere ed espugna l’ostico campo del San Gregorio. Nella terza giornata del girone A di Promozione, 4-2 ricco di emozioni in casa dei neroazzurri. Protagonista assoluto, con la sua tripletta, Lorenzo Carosone. I biancorossi hanno trovato un giocatore di sicura affidabilità e concreto al punto giusto sotto porta. Ora una settimana impegnativa, con due impegni delicati tra mercoledì e domenica.

Ai microfoni di Abruzzo Calcio Dilettanti è lo stesso Carosone ad analizzare il momento degli ovidiani, partendo proprio dal successo domenicale: «Abbiamo giocato davvero bene, com’è nelle nostre corde. Ciò è avvalorato dal fatto che la prestazione sia arrivata su un campo difficile contro una squadra che arriverà in alto senza dubbio. Siamo stati bravi a giocare di squadra. Da parte mia è arrivata una tripletta, vero, che però non ci sarebbe stata senza il gran lavoro degli altri dietro. Ogni gol è il coronamento del gioco del gruppo. Abbiamo sempre avuto in mano il pallino del gioco. Nel primo tempo eravamo in parità immeritatamente, perché già lì avevamo prodotto maggiormente rispetto ai nerazzurri. Il merito più grande dell’Ovidiana? Crederci».

Girone ostico, lo stesso attaccante conferma: «Secondo me viviamo una situazione unica nel nostro raggruppamento. Non so quante volte possa capitare che 7 o 8 squadre siano tra le papabili per arrivare in alto, credo che sia il nostro caso. Ci sono realtà blasonate e forti ed altre meno blasonate ma davvero attrezzate per arrivare lontano. Ogni weekend, con il fatto che ci sono meno squadre, si potrà sbagliare di meno e bisogna vivere alla domenica, pensando di gara in gara».

Domani il recupero della seconda giornata, poi il big match con il Montorio. L’Ovidiana è attesa da una settimana ad alta tensione, Carosone avverte: «Non saremo sprovveduti, la mente è rivolta solo al turno infrasettimanale. Poi, dopo il triplice fischio, guarderemo allo scontro con il Montorio. Attenti all’Amiternina, avversario che domani saprà metterci in difficoltà con una rosa giovane ma insidiosa. L’obiettivo è fare bottino pieno in queste giornate, ce la possiamo fare continuando a giocare così».

L’ex Chieti parla poi di come poter puntare in alto: «Per arrivare in alto dobbiamo continuare a lavorare. Siamo una squadra ben attrezzata e non lo possiamo di certo mettere in dubbio. Però serve attenzione, dobbiamo essere bravi ad arrivare sempre almeno un passo davanti agli altri. Miglioriamo allenamento dopo allenamento, poi ci toglieremo davvero le nostre soddisfazioni».

Carosone chiude poi: «Indubbiamente, la situazione legata al coronavirus non è semplice, specie nel nostro girone. Devo dire che con il San Gregorio si è vista un po’ di normalità con gli spalti che avevano parecchi tifosi, quando c’è gente è sempre più animata la domenica. L’assenza dei sostenitori rappresenta proprio il lato più brutto di questo momento. Per il resto, a noi spetta il compito di rispettare tutte le indicazioni che ci forniscono».

Nicolas Maranca

Rubriche