In attesa di tornare in campo, Abruzzo Calcio Dilettanti continua ad ascoltare le voci dei protagonisti del mondo dilettantistico abruzzese. Questa volta, ai nostri microfoni, è intervenuto l’allenatore del Miglianico, Marco Cicchitti.

La stagione del Miglianico prima dello stop

I gialloblù, prima della sosta, avevano disputato quattro incontri nel girone C di Promozione raccogliendo 7 punti, frutto di due vittorie, un pareggio e una sconfitta. I miglianichesi si sono imposti sul campo della Casolana (6-1) e tra le mura amiche contro la Virtus Ortona (3-2), mentre sono stati sconfitti, alla prima giornata, dal San Salvo (3-2). Nell’ultima partita in cui sono scesi in campo (datata 25 ottobre), gli uomini di Cicchitti sono stati fermati sul pari dalla Val di Sangro (1-1).

Quando si ripartirà?

«Difficile dire quando si ripartirà. Auspico una ripartenza per il 17/25 gennaio, a cavallo tra quelle due settimane. Penso e spero che il campionato possa continuare e finire in maniera regolare. Con qualche infrasettimanale in più possiamo farcela. Magari giocando un mese in più, anche perché secondo me non c’è problema a giocare a giugno. Anzi, secondo me è anche più bello giocare d’estate».

Nostalgia

L’allenatore non nasconde la sua nostalgia del calcio: «Manca tutto, non solo la domenica, per noi che ci occupiamo di calcio da sempre. Il rapporto con i ragazzi, gli allenamenti, lo spogliatoio: manca davvero tutto. Poi ovviamente bisogna capire che la salute ha sempre la priorità, quindi è giusto così».

Ci si allena individualmente

Al momento i ragazzi del Miglianico cercano di allenarsi a casa come possono: «La squadra al momento si sta allenando singolarmente da casa, per quanto è possibile. Speriamo di tornare presto in zona arancione, visto che almeno prima con l’autocertificazione ci si poteva allenare in modo sicuramente migliore».

Stop attività giovanili

«Giusto anche in questo caso fermare tutto, giusto far sentire ragazzi e genitori più tranquilli» il commento di Cicchitti.

Il girone C di Promozione

Detto del percorso in campionato del Miglianico prima dello stop, il tecnico ha detto la sua sul girone C di Promozione e sugli obiettivi del suo club: «Vedo il San Salvo favorito per la vittoria finale del torneo. Sono i più forti sia a livello di gioco che di uomini. Hanno una piazza importante, esigente. Mi hanno molto impressionato. Per quanto riguarda noi del Miglianico, siamo soddisfatti perché abbiamo una società completamente nuova, guidata da due presidenti, Valeriano Palombaro e Guido Tinari, che hanno costruito un’ottima squadra. Stanno facendo un gran lavoro, sono ambiziosi e hanno riportato entusiasmo. Il primo anno di questo nuovo corso, quindi l’obiettivo per ora è quello di ben figurare nel torneo. Difficile aggiungere altro sui nostri obiettivi, visto che non sappiamo nemmeno se e quando si ripartirà. Avevamo iniziato molto bene, eravamo in fiducia e stavamo esprimendo un buon calcio: mi auguro di poter continuare così al rientro».

Rubriche