Dopo la decisione del Consiglio Federale di accettare le proposte della Lega Nazionale Dilettanti, il Matelica (primo nel girone F di Serie D) entra nella storia, approdando per la prima volta nei professionisti.

Ai microfoni di Abruzzo Calcio Dilettanti è intervenuto Francesco Micciola, direttore sportivo dei marchigiani e uno degli artefici del salto nella terza serie: «Siamo contenti di salire in Serie C. È stato fatto un ottimo lavoro da parte dello staff tecnico e della squadra. Adesso ci godiamo il momento e poi, nelle prossime settimane, valuteremo il da farsi. Festeggeremo in modo sobrio, stappando una semplice bottiglia. Siamo contenti anche se preferivamo vincere sul campo».

Il DS sottolinea anche il grande lavoro fatto da tutta la società per raggiungere l’obiettivo: «La promozione è merito di tutto lo staff e gruppo lavorativo del Matelica Calcio: dalla società a tutti i dipendenti. Abbiamo alle spalle un grande club che per anni ha tentato il salto tra i professionisti. Io sono qui da due anni: lo scorso anno ci siamo portati a casa la Coppa Italia e quest’anno andiamo in Serie C da primi in classifica. È stato un biennio molto positivo».

Il Matelica approda in C da prima in classifica generale e con miglior attacco, miglior difesa, miglior differenza reti e squadra meno battuta della competizione: «I numeri parlano chiaro, sono tutti dalla nostra parte. È chiaro, però, che volevamo tornare in campo a giocare ma il Coronavirus ce lo ha impedito».

Micciola non si sbilancia sulle prossime mosse del club: «Adesso è presto per parlarne. Attendavamo soltanto l’ufficialità del Consiglio Federale. Nei prossimi giorni ci riuniremo e pianificheremo al meglio il nostro futuro».