La Regione Abruzzo scende in campo per aiutare le associazioni e società sportive dilettantistiche, colpite dal Coronavirus. E lo fa con lo stanziamento di 1,5 milioni di euro. La Regione ha completato il procedimento approvando prima una delibera di giunta che contiene le linee di indirizzo per l’erogazione dei contributi a fondo perduto e poi pubblicando l’avviso pubblico. Si tratta di 1,5 milioni alle associazioni e società sportive dilettantistiche e altrettanti. La piattaforma sarà disponibile da mezzanotte del 26 gennaio e sino alle 14 del 4 febbraio 2021. L’accesso dovrà avvenire tassativamente a mezzo Spid del legale rappresentante. E’ un “bando 3.0”: non ci sarà nessun documento da caricare, solo compilare l’apposito form in piattaforma ed autocertificare. Poi scatteranno i controlli a campione.

I destinatari delle misure sono quelli indicati dalla legge regionale numero 2 del 12 gennaio 2018, ovvero società e associazioni sportive dilettantistiche, locali, provinciali e regionali, affiliate a federazioni sportive nazionali o enti di promozione sportiva riconosciuti dal Comitato italiano paralimpico che partecipano alle attività federali agonistiche e amatoriali; le società e le associazioni e le associazioni affiliate a Fsn del Comitato olimpico nazionale Italiano o del Comitato italiano paralimpico impegnate nei rispettivi campionati nelle massime serie. I soggetti devono essere operanti sul territorio della regione alla data del 31 gennaio 2020 e devono aver subito un danno per effetto della sospensione. Gli aiuti, per i quali anche in questo caso è stata stilata una tabella con gli importi massimi, non spetteranno a coloro che alla data del 31 ottobre 2020 non risultino iscritti nel registro del Coni o nel registro parallelo del Cip. I fondi sino ad esaurimento spettano a tutte le Asd, con premialità a quelle che hanno in essere contratti di locazione o gestione di impianti sportivi.

Questo il commento dell’assessore regionale allo sport, Guido Quintino Liris: «La Regione ancora una volta dimostra grande vicinanza a settori che sono stati pesantemente colpiti dall’emergenza coronavirus, stanziando fondi che hanno l’obiettivo di limitare l’impatto negativo delle sospensioni. Lo sport è centrale per la vita sociale dell’Abruzzo e anche per la sua tenuta economica. Ora l’obiettivo è arrivare a erogazioni tempestive».

Fonte: Regione Abruzzo

Rubriche