La proposta di Daniele Adani diventa una petizione. Vi avevamo raccontato di come, nei giorni scorsi, Lele Adani avesse lanciato l’allarme (clicca qui) : un milione di persone (ma anche di più) all’interno del calcio dilettantistico è in difficoltà. L’ex difensore di Brescia, Inter e Fiorentina, e ora commentatore tecnico per Sky Sport, in una diretta Instagram con l’ex giocatore Bobo Vieri era stato chiarissimo: «L’unico modo per salvare il dilettantismo è che i giocatori di serie A vadano a tassare il loro stipendio del 5%, per donarlo al dilettantismo stesso».

Le parole dell’ex Inter

«Quando il calcio a certi livelli finisce, molti tornano nel paese, facendo da esempio per gli altri, creando scuole calcio ed accademie, selezionando allenatori e svolgendo tanti altri ruoli, Se non sostieni il calcio che è territorio, finisce tutto. I calciatori sono i protagonisti. Lo spettacolo passa da loro, loro devono dare voce a chi non ha voce. E quindi dar voce a chi sta dalla Serie D in giù. Devono creare un sistema che aiuti il calcio in città, in provincia, in oratorio. Le varie leghe fanno un continuo dialogo a cercare di avere ragione sugli altri perdendo tempo. A certi livelli non è un 5% che fa la differenza, però per il calcio dilettantistico il 5% vale tantissimo. Non dimentichiamo che il calcio minore è fatto di coloro che comprano le maglie ed il merchandising dei grandi, di chi va negli impianti della Serie A con le famiglie e non solo».

Photo by Chaos Soccer Gear on Unsplash

Quella che forse ai più era sembrata una semplice provocazione o utopia, è diventata ora una vera e propria petizione, nel tentativo di farla divenire realtà. La petizione (leggi qui), circolante con la dicitura “Gli sportivi professionisti salvino le società sportive dilettantistiche” sta prendendo sempre più piede in rete. I firmatari al momento hanno superato quota 1500. L’obiettivo è arrivare a 2500. Progetto ambizioso ma assolutamente realistico, vedendo i numeri. Il grido di aiuto verrà ascoltato? E basterebbe questo contributo a risollevare le sorti di un mondo – quello del calcio dilettantistico – sempre più in ginocchio? Un passo in avanti, attendendo nuovi sviluppi.

Rubriche