Dopo la decisione della LND di bloccare ed annullare tutte le competizioni nazionali dilettantistiche, la palla passa alle singole Federazioni regionali. Questo 16 novembre non è una giornata come le altre per il campionato di Eccellenza, perché oggi ci sarà la riunione tra le 20 società partecipanti e il Comitato Regionale. Appuntamento fissato alle 18.

Tre ipotesi di ripartenza

La LND Abruzzo avvierà il confronto sulle tre possibilità di portare a termine la stagione. La certezza è che, al momento, non ci sono le condizioni sanitarie per riprendere, ma bisognerà attendere almeno il 4 dicembre, in attesa di nuove disposizioni governative. Si pensi a ciò che ha stabilito la federazione lombarda, che ha dato come timing di riavvio delle competizioni il periodo incluso tra il 7 febbraio e il 7 marzo.

La prima opportunità riguarderebbe la disputa di tutte le gare in programma, dandosi anche la chance, se necessario, di andare oltre il 30 giugno e disputare playoff e playout regolarmente. Poi ci sono due idee che traggono origine dalla stessa formula, cioè far giocare solo il girone di andata. Da una parte, ciò porterebbe direttamente agli spareggi promozione e retrocessione, dall’altra, invece, si pensa ad un format successivo che includa quasi tutte le società, o tutte, in due mini raggruppamenti per decretare promosse e retrocesse. 

E se, da una parte, c’è da attendere per capire come strutturare il nuovo calciomercato, con la LND che deve ancora dire la sua, dall’altra sembra certo che qualcuno, tra i dirigenti delle squadre, chiederà un sostegno economico ulteriore.

Immagine di copertina di Joshua Hoehne da Unsplash

Nicolas Maranca

Rubriche