Il meglio e il peggio dell’ultimo turno

CHI SALE…

STEFANO MICCICHE’, calciatore Lanciano 1920: con la doppietta rifilata alla Flacco Porto, riporta il sorriso, e tre punti d’oro, in casa rossonera, agganciando in vetta alla classifica marcatori il collega albense Simone Miani

FABIO IODICE, allenatore Penne: i suoi ragazzi firmano l’impresa del giorno, andando ad espugnare il campo della capolista Castelnuovo, il cui precedente ed unico ko risaliva addirittura al 29 settembre scorso

PANFILO CARLUCCI, allenatore Virtus Cupello: sette punti nelle ultime tre gare per la sua squadra, sulla cui panca siede un tecnico assai preparato ed abituato a lavorare sodo, cercando di sfruttare al meglio l’organico, non certo ricco, messogli a disposizione

 

…E CHI SCENDE

SAMBUCETO: cambiano gli allenatori ma la musica resta sempre la stessa. E quello di domenica, contro la RC Angolana, rischia di essere uno scivolone interno davvero nefasto. Per la classifica e per il morale della squadra viola, ormai ad un passo dalla zona play-out

SIMONE MIANI, calciatore Alba Adriatica: spesso e volentieri è toccato a lui togliere le castagne dal fuoco. Stavolta però è accaduto il contrario, nel senso che il rigore, calciato alto, del possibile vantaggio, crea i presupposti per il successivo e definitivo vantaggio ospite

PATERNO: dispiace citarlo, perché è uno dei club che nelle ultime stagioni hanno dato lustro al campionato, sfiorando più volte una promozione in serie D che avrebbe meritato, viste le energie profuse dal suo presidente Angelo Di Gregorio. La realtà attuale è però impietosa, e dice che i marsicani sono retrocessi con ben sei turni di anticipo