La prima giornata di Eccellenza restituisce emozioni e spettacolo. La top 11 del weekend è fatta di esperienza e freschezza, in un mix che sicuramente ritroveremo in seguito.
Tra i pali, impossible non menzionare Mario Di Girolamo, che ha tenuto inviolata la sua porta in casa del quotatissimo Chieti. Almeno due interventi decisivi, con altri sporadici che hanno permesso al Capistrello di prendersi un successo d’oro ed inatteso. Sarà una delle certezze di questa stagione.

In difesa brilla, sulla fascia destra, il talento di Besim Maloku, che fa a sportellate fino alla fine sull’ostico campo del Nereto e firma l’assist decisivo per la vittoria dell’Acqua&Sapone con una giocata da vedere e rivedere. Nel reparto arretrato non mancano Fabio Fuschi ed Antonio Mottola, che con la loro esperienza si fanno sentire nella Torrese e nel Sambuceto e contribuiscono al clean sheat di giornata. Menzione per Lombardo, che ci mette la firma e chiude i giochi in Avezzano-Bacigalupo. Partita perfetta, con nessuna sbavatura ed un gran senso della posizione.

A centrocampo, Edoardo De Meis fa da traino per il Capistrello e mette in difficoltà il Chieti in fase offensiva. Prova da applausi anche in fase di non possesso, come ormai d’abitudine per il marsicano. Il Sambuceto vola grazie ad un super Cristiano Verna. Suo il sigillo sul successo dei viola alla prima in campionato con un guizzo non da tutti. Poi una gara fatta di tanta qualità e sostanza in fase di possesso, creando occasioni a ripetizione e smistando palloni senza problemi e con una gran visione di gioco. Entra e si fa sentire Mattia Di Norcia, che gioca gli ultimi minuti nella prima interna de L’Aquila e sfonda il muro del Pontevomano in diverse circostanze, mostrando lucidità e forza fisica. Grazie a lui, i rossoblù vanno vicini al bis in un paio di occasioni a fine gara.

Reparto offensivo difficile da scegliere tra le tante opzioni. Inizia col botto Cristian Cacciatore, che si prende la scena in Penne-Alba Adriatica. Suo l’assist per il vantaggio di Lepre, suo il raddoppio, con grande esperienza. Il gioco dei vestini lo decide lui, toccando una quantità industriale di palloni riuscendo sempre ad avere la meglio degli avversari. Se il buongiorno si vede dal mattino, l’ex Matelica e Pineto sarà il solito protagonista di una stagione tutta da seguire. Nella stessa partita, esordio da incorniciare per Giacomo Cellucci con la maglia dell’Alba Adriatica. L’ex Renato Curi Angolana incanta con una fantastica doppietta. Il primo gol è un’autentica perla che miscela velocità, dribbling e finalizzazione. La seconda rete, su rigore, fissa il punteggio sul definitivo 2-2, permettendo agli uomini di De Amicis di portarsi a casa un punto. Dulcis in fundo, è Letto-mania (in foto Giuseppe Letto) a Casalbordino. Tripletta da antologia alla prima in casa del Lanciano, non un palcoscenico qualunque. I giallorossi trovano in lui l’ariete perfetto, infallibile negli ultimi 16 metri ma anche abile nel gioco di sponda. E la classifica cannonieri già si accende.

4 – 3 – 3
Di Girolamo (Capistrello); Maloku (AcquaeSapone), Fuschi (Torrese), Mottola (Sambuceto), Lombardo (Avezzano); De Meis (Capistrello), Verna (Sambuceto), Di Norcia (L’Aquila); Cacciatore (Penne 1920), Cellucci (Alba Adriatica), Letto (Casalbordino)