La parola “sport” non verrà messa da parte. Questa la certezza che sembra emergere dalle parole odierne del Premier incaricato Mario Draghi, nella replica alla Camera prima del voto di fiducia al nuovo mandato. Tanti dubbi erano emersi nelle ore e giorni precedenti sia per l’assenza del Ministero dello sport e sia per l’assenza di giudizio sull’argomento nel discorso di ieri al Senato. Qui, il Governo aveva ottenuto la fiducia, meno di 24 ore fa, con 262 voti favorevoli.

Le parole di Draghi

«Il fatto che non ne abbia parlato (dello sport, ndr) non vuol dire che non è importante. Questo governo si impegna a preservare e sostenere il sistema sportivo italiano, tenendo conto della sua peculiare struttura, non solo per gli investimenti e posti di lavoro, ma anche per il suo straordinario valore sociale, educativo, formativo, salutistico».

Per grandi eventi

«Penso ai grandi eventi sportivi nazionali e internazionali, la cui massima espressione sarà per i Giochi Olimpici Invernali di Milano e Cortina, che l’Italia ospiterà nel 2026. Il lavoro che dobbiamo sviluppare per prepararci al meglio all’evento è già una manifestazione di fiducia nel futuro dell’Italia, oltre che un’occasione per il suo sviluppo, specie nel campo delle infrastrutture, del turismo, dell’innovazione tecnologica, della sostenibilità ambientale».

[Foto di copertina di Edoardo Busti da Unsplash

Nicolas Maranca

Rubriche