In attesa di conoscere il responso del Consiglio Federale sulle proposte avanzate dal Direttivo LND (promozione per le prime e retrocessione delle ultime quattro in classifica), Cosimo Sibilia, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, è intervenuto nella trasmissione Zona D affrontando alcuni temi molto importanti per il calcio dilettantistico: ripartenza, pubblico e settore giovanile.

Su un’eventuale data per la ripartenza dei campionati, Sibilia è stato chiaro: «I tempi li detta il Coronavirus, ma io spero sia il prima possibile, credo già a settembre. Di certo – continua il presidente della LND – l’annata 2020-2021 inizierà il primo luglio, come è ormai tradizione, mentre quella dei professionisti partirà il primo settembre per consentire ai vari campionati di potere terminare il proprio cammino in estate, definendo i verdetti».

Il numero uno dei dilettanti si è soffermato anche sulla questione del pubblico all’interno degli impianti sportivi: «Faccio una constatazione: se si riaprono i teatri non vedo il motivo per cui in un impianto all’aperto in grado di accogliere migliaia di persone non possa accedere una percentuale adeguata di spettatori. E’ una soluzione sulla quale possiamo riflettere anche per quanto riguarda i dilettanti».

Sul settore giovanile e scolastico: «Bisognerà attendere il comunicato numero 1 (che normalmente viene pubblicato nei primissimi giorni di luglio) per capire quando partirà, ma il direttivo fa capo alla Figc e ovviamente ha piena autonomia».