I ragazzi di Remigio Cristofari battono per 2-0 i campani e mettono una seria ipoteca sulla qualificazione al turno successivo

Remigio Cristofari (allenatore Torrese)

TORRESE-TRE PINI MATESE: 2-0

TORRESE: Abate, Martella, Maloku, Nepa, De Cesaris, Fuschi, Mosca, Gelsi, Esposito (40’st Di Francesco), Di Benedetto (48’st Puglia), Di Federico (46’st Ferri).

A disposizione: Di Giuseppe, Di Sabatino, Di Lodovico, D’Orazio, Titianu, Compagnoni

Allenatore: Remigio Cristofari

TRE PINI MATESE: Gallone (18’st Napolitano), Valletta, Nicola Vecchio 1992, Scognamiglio, Riccio, F. Paolella (1’st Di Nardo), Ricci, Nicola Vecchio 1990, Ciardiello (18’st Santangelo), O. Paolella (38’st Iannelli), Ferrante.

A disposizione: Catapane, Santagata, Marocco.

Allenatore: Alfonso Camorani.

Arbitro: Alessio Vincenzi di Bologna

Assistenti: Pulcinelli e Macripò di Siena
Reti:
37’pt Di Federico, 49’st Di Francesco

Note: nessun espulso; ammoniti Mosca, De Cesaris; recupero: 1’ primo tempo; 4’ secondo tempo

CASTELNUOVO VOMANO. E’ iniziata col piede giusto, per la Torrese, l’avventura nella fase nazionale della Coppa di Italia di Eccellenza. I ragazzi di Remigio Cristofari (nella foto) si sono infatti aggiudicati col più classico dei punteggi la sfida di andata, che li vedeva opposti all’undici campano (militante però nel campionato molisano) del Tre Pini Matese.
Con una rete per tempo ed una condotta giudiziosa, la compagine abruzzese si è imposta con pieno merito Anzi, alla luce delle occasioni create, avrebbe forse potuto chiudere l’incontro con uno score più ampio, anche se il fatto di aver vinto senza prendere gol la pone in una condizione privilegiata, in vista del return-match, in programma tra sette giorni.
Senza contare il fatto che, a Piedimonte Matese, i teramani avranno nuovamente a disposizione sia Petronio, in mediana, che Criscolo (capocannoniere della fase regionale di Coppa), in attacco, entrambi assenti ieri pomeriggio per squalifica.