Conferenza congiunta Comune-Chieti Calcio alla vigilia della ripresa del campionato di Eccellenza. Neroverdi già al lavoro verso la sfida dell’11 aprile con il Lanciano. Presenti all’Angelini il sindaco Diego Ferrara, l’assessore allo Sport Manuel Pantalone, il Presidente della società Antonio Mergiotti, il patron Giulio Trevisan, il neo Direttore Sportivo Tonino Paciarella, l’allenatore Alessandro Lucarelli e la squadra. La conferenza è stata anche l’occasione per presentare 11 nuovi ingressi: Carmine Salvatore, portiere, Antonio Aquilanti, Matteo Consorte, Marco Donatangelo, Rocco Sardo, Cristiano Verna, Manfredo Pietrantonio, Davide Maggiore, Christian Belli, Mattia Rodia e Manuel Spadafora.

«Lo Sport è un tassello importantissimo nella vita della nostra città – così il sindaco Diego Ferrara – e sono sicuro che questa squadra e l’energia che anima anche l’assetto societario saranno in grado di darci grandi soddisfazioni. Tutti devono fare la propria parte, così il Comune non facendo mancare il suo supporto, così i giocatori in campo ai quali va la mia preghiera di mettercela tutta per riportare la nostra squadra ai livelli che merita. Da cittadino sosterrò questo lavoro con il mio abbonamento e promuovendo un tifo sano e costruttivo per farci tornare a crescere».

 

«Ce la stiamo mettendo tutta perché la nostra squadra possa avere un nuovo inizio – così l’assessore allo Sport Manuel Pantalone – abbiamo lavorato insieme per porre le migliori condizioni affinché il campionato scorra senza problemi logistici, pensando alla manutenzione del campo dell’Angelini e attivandoci per venire incontro alle difficoltà legate al momento che tutti stiamo vivendo, affinché non si perdano occasioni e tempo per potersi allenare al meglio. Finché non saranno ultimati i lavori al Sant’Anna la squadra sarà a Tollo, Comune con il quale sussiste già una sinergia positiva. L’auspicio è vedere il Chieti risalire la classifica, conquistando nuovi traguardi».

«Si rafforza la vicinanza con il Comune – aggiunge il presidente Antonio Mergiotti – ringraziamo l’Amministrazione per il supporto che ci consente di giocare nella struttura, avendo risolto in tempi record anche il problema del campo di allenamento in attesa che l’impianto di Sant’Anna sia utilizzabile allo scopo. La nostra premura è quella di poter sempre giocare con queste condizioni e così speriamo di rivedere il Chieti nella posizione che merita, dopo quello che è accaduto l’anno scorso. Abbiamo poco tempo, ma siamo motivatissimi, il gruppo c’è, la società anche, non vediamo l’ora di scendere in campo ed esprimerci al meglio con l’obiettivo di vincere e tornare in D, riconquistando la posizione che questa squadra merita».

 

«Oggi abbiamo le condizioni per tornare a una normalità cercata da diverso tempo grazie al supporto della nuova Amministrazione – aggiunge il patron Giulio Trevisan – Il fondo è in ottime condizioni in virtù di una manutenzione efficace e presente; grazie all’azione 9incisiva e diplomatica del presidente Mergiotti abbiamo recuperato un dialogo costruttivo anche con la Federazione, dopo l’epilogo dello scorso campionato. Procederemo con educazione, correttezza e rispetto delle regole, ma lo faremo coltivando obiettivi altissimi e ambiziosi, riprenderci ciò che non abbiamo potuto avere. La squadra è motivatissima ed esce fortificata anche grazie ai nuovi arrivi, anche la società si rafforza con l’ingresso del direttore Paciarella, un nome deciso in pochi secondi unanimemente e che aggrega anche i ragazzi, visto che ha avuto modo di lavorare con molti di loro. Il gruppo è unito e se ci assisterà anche un po’ di fortuna, potremo fare bene e offrire uno spettacolo di sport e di crescita alla città che ci sostiene».

 

«Sono lieto di lavorare con Lucarelli e molti giocatori che ho visto crescere e che conosco – così il direttore Tonino Paciarella – Tutto è pronto per fare bene, nel rispetto delle regole ed esprimendo al meglio talento e forza che questi ragazzi hanno».

 

«Oggi la società è più forte – conclude l’allenatore Alessandro Lucarelli – i presupposti ci sono tutti: finalmente giochiamo su un manto degno e idoneo. I nuovi ragazzi si uniscono al gruppo già esistente ma c’è una bella intesa, ora dobbiamo essere bravi a lavorare insieme e onorare la maglia. Io ci credo, tutti siamo motivati, quindi buon lavoro e facciamoci valere».

Rubriche