Prima trasferta per L’Aquila 1927. I rossoblù saranno infatti ospiti della Bacigalupo Vasto Marina.

Roberto Cappellacci, mister della squadra del capoluogo, ha presentato così la sfida: «Partita complicata, difficile da inquadrare. La Bacigalupo abbina giocatori giovani ed esperti, un grande mix. Sulla carta non sono una squadra di vertice ma li considero molto insidiosi e scomodi da affrontare, specie nelle primissime partite dell’anno. In questo momento la mia squadra sta segnando forse un po’ poco, dobbiamo migliorare nella finalizzazione, ma c’è da dire che stiamo anche subendo poco. Dobbiamo ovviamente migliorare, cresceremo con il tempo, anche se secondo me siamo già ad un buon livello, sono tranquillo».

Il mister ha fatto anche il punto sugli infortunati: «Catalli potrebbe essere la sorpresa della partita, non mi aspettavo un recupero lampo da parte tua, il ragazzo sta dimostrando grande carattere. Non penso che sarà della partita dall’inizio, ma tra domani e la prossima partita di coppa penso che avverrà il recupero completo del giocatore. Domani è convocato. A parte Beccaceci che ha un infortunio di lungo corso, i ragazzi stanno bene».

La Bacigalupo sarà stanca dopo la partita di Coppa? «Me lo auguro, lo spero. Però hanno vinto, quindi avranno entusiasmo. Questo sopperirà alla stanchezza, anche se mi auguro siano meno brillanti».

Infine un commento sui suoi: «Non siamo ancora la squadra forte che voglio. Non siamo perfetti nella gestione della palla in uscita dalla difesa, dove siamo ancora lenti. A centrocampo facciamo ancora qualche sbavatura e in attacco arrivano pochi palloni puliti da giocare. Se aggiungiamo che li davanti sbagliamo troppo e concretizziamo poco… Ma ripeto: non ho bisogno di altri giocatori, ma solo di tempo».