Renato Curi Angolana, D'Eugenio: «In campo per ricompensare il lavoro del club»

Una Renato Curi Angolana da non sottovalutare nella nuova Eccellenza che scatterà domani, domenica 11 aprile. I nerazzurri, dopo un mercato di tutto rispetto, esordiranno contro l’Avezzano allo stadio “Dei Marsi”. In occasione della visita di ACD al club angolano, mister Nico D’Eugenio ha presentato la nuova avventura che attende i suoi.

Una squadra carica

«La Renato Curi Angolana è pronta, sicuramente sì soprattutto a livello psicologico. L’incognita comune a tutte le squadre è la forma atletica, dopo un periodo di stop così lungo è difficile capire effettivamente quando ognuno raggiungerà il 100%, anche perché abbiamo superato appena i 10 allenamenti in questa fase di preparazione. C’è tanta, tanta voglia di ricominciare, cercheremo di fare il meglio. Non vogliamo sfigurare, per me Chieti e L’Aquila sono quelle che partono un po’ più avanti a tutti, sia per blasone che per rose».

Contro l’Avezzano

«Tra le 7 formazioni partecipanti al campionato, ce ne sono molte blasonatissime e che secondo me puntano alla D. Noi abbiamo fatto qualche sforzo per non sfigurare in questa Eccellenza e cercheremo di farci rispettare. Contro l’Avezzano vogliamo dare il meglio, secondo me ci attaccheranno dall’inizio ma puntiamo al massimo sforzo. I pareggi, in un torneo così ridotto, servono a poco, vogliamo vincere ma con profondo rispetto dell’avversario. Se siamo qui, giochiamoci tutte le nostre chance, senza assilli e senza pressioni».

Il mercato

«Qualche ragazzo è andato via nel periodo di stop. Perciò, il lavoro sui rinforzi era sia dovuto e sia voluto dalla società, che voleva e vuole mettere la squadra nelle migliori condizioni. Sono molto soddisfatto, speriamo di ricompensare il club che ha fatto degli sforzi, onoriamo la maglia fino alla fine».

Nicolas Maranca

L’intervista integrale


Serie D, Verdesi ufficialmente al Castelnuovo: «E adesso restiamo in alto»

Come anticipato in mattinata da ACD (clicca qui per leggere la news), Davide Verdesi passa al Castelnuovo Vomano. Arrivata anche l’ufficialità del trasferimento del centrocampista classe 2002 ormai ex Pineto. Il giocatore, che ha già sostenuto alcuni allenamenti in terra vomanese, è già a disposizione per il prossimo weekend di campionato.

Le parole di Verdesi

«Sono contento di essere arrivato a Castelnuovo, è una società ambiziosa che già da questo primo anno di serie D sta dimostrando il suo valore; spero di poter contribuire a far sì che la squadra continui ad ottenere buoni risultati e a raggiungere livelli sempre più alti. Ringrazio la società per avermi dato fiducia e darò il massimo per riuscire a ripagarla».

L’accoglienza del Presidente Di Flaviano

«Ringraziamo il Presidente del Pineto Silvio Brocco e il DS Roberto Giammarino per averci accordato il trasferimento di Verdesi, è un ragazzo che in prospettiva può dare tanto, sono sicuro che sarà una pedina che tornerà molto utile alla nostra squadra sia in questo finale di stagione che in futuro».

Nicolas Maranca


Serie D, il Covid ancora in campo: salta anche Montegiorgio - Vastese

Pioggia di rinvii nel girone F di Serie D. Nella venticinquesima giornata, non scenderanno in campo Olympia Agnonese – Tolentino e Montegiorgio – Vastese. Beffa per i biancorossi abruzzesi, che ora rischiano anche di veder slittare il turno infrasettimanale con il Matese. Un nuovo focolaio, il secondo stagionale, mette in bilico quelli che possono essere gli obiettivi dei ragazzi vastesi.

Quinto rinvio consecutivo per gli aragonesi, che hanno già visto slittare le gare con Pineto, Aprilia, Agnonese e Castelfidardo. Al momento, la Vastese resta ferma in classifica a quota 27 punti, gli stessi di Rieti e Aprilia che hanno, però, 3 gare in più. Secondo rinvio in poche ore per le abruzzesi, dopo che la LND aveva disposto lo slittamento del turno infrasettimanale tra Giulianova e Agnonese.

Nicolas Maranca


Serie D, Castelnuovo Vomano vicino al colpo under Verdesi

Davide Verdesi è ad un passo dal Castelnuovo Vomano. Si tratta di un colpo di non poco conto da parte del club neroverde, che si porterebbe a casa uno dei profili più interessanti emersi in questa Serie D.

Verdesi, centrocampista offensivo classe 2002, è cresciuto nelle giovanili dell’Ascoli, prima di passare per ben due stagioni al Porto D’Ascoli. Con i biancazzurri ha brillato a tal punto da attirare l’attenzione degli attenti scout del Pineto, che la scorsa estate lo ha portato in riva all’Adriatico. Con i teramani, Verdesi ha iniziato alla grande il suo primo anno in quarta serie, segnando un gol e con diversi assist all’attivo. Si attende la firma, che potrebbe esserci nelle prossime ore.

Nicolas Maranca


Eccellenza, i prestiti aumentano: numero massimo portato a 12

Novità importante per i club di Eccellenza. Da questa settimana, unicamente per la stagione corrente, aumentano i numeri dei prestiti per ogni club. Dai precedenti 8 si passa a 12, cifra notevole e che può offrire maggiori ricambi ai club attualmente in campo con più ampie possibilità di scelta.

Si tratta di una misura straordinaria, che viene adottata per le condizioni di eccezionalità poste dalla pandemia che ha ostacolato, e non poco, il calcio minore. Il provvedimento vale anche, laddove le competizioni si disputino, per l’Eccellenza femminile e per i campionati di vertice di futsal regionale. Nel caso dell’Abruzzo, ciò non accade.

Nicolas Maranca


Avezzano

-3 alla nuova Eccellenza, le protagoniste: l'Avezzano

L’Avezzano scalda i motori in vista della ripresa del campionato di Eccellenza. Il nuovo format a 7 squadre, vedrà il sodalizio biancoverde subito impegnato in un match sulla carta decisamente ostico contro una squadra molto organizzata come la Renato Curi Angolana domenica 11 aprile 2021 presso lo Stadio dei Marsi.

La squadra marsicana cercherà di fare il proprio meglio per partire con il piede giusto e dare sin dall’inizio del filo da torcere a L’Aquila e Chieti per la vittoria finale.

I biancoverdi prima della sospensione del torneo avevano raccolto 14 punti, frutto di 4 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta per mano dell’Alba Adriatica. Risultati che hanno permesso di raggiunger la quarta posizione a soli tre punti dalla vetta sotto la guida dell’ormai ex tecnico Rullo.

Oltre all’allenatore, il patron Gianni Paris ha apportato diversi cambiamenti a rosa e staff tecnico: in primis la separazione con il direttore generale Elio Ciccorelli e una buona campagna acquisti, contraddistinta da tanti nuovi innesti e alcune partenze.

La guida tecnica è stata affidata ad Antonio Torti che nella passata stagione ha allenato il Capistrello e che nel suo curriculum vanta esperienze con Paterno, Canistro, Penne e L’Aquila. Per lui si tratta del terzo ritorno sulla panchina biancoverde dopo le esperienze dal 2003 al 2005 e dal 2013 al 2014 nelle quali aveva ottenuto buoni risultati, su tutti si ricorda la stagione 2002/2003 nella quale riuscì, passando alla storia, a riportare il club in Serie D dopo il turno di playoff nazionale contro il Sambiase.

Partendo dalla difesa hanno lasciato l’Avezzano l’esperto Stefano Scipioni e Emanuele Lombardo; a centrocampo si sono separate le strade con Viscovich, Pejic e Battilana (accasatisi in Serie D). Per quanto riguarda il reparto avanzato, invece, a salutare la compagine biancoverde è stato l’attaccante Massimiliano Giusti, anch’egli tornato in Serie D.

L’Avezzano ha mandato un segnale molto importante a tutte le avversarie che riprenderanno il torneo, mettendo a segno diversi colpi in entrata: a difesa dei pali è arrivato Maichol Di Girolamo, portiere che oltre ad essere un profilo di esperienza per la categoria, non è di certo nuovo ad Avezzano (quinta stagione per lui). La retroguardia è stata rinforzata con gli innesti del centrale Amedeo Di Pierantonio e del terzino classe 2001 Mirko Mastrojanni. Chi potrebbe vestire presto la camiseta biancoverde è il giovane difensore Gabriele Bentegani (classe 2001) di proprietà dell’Amatrice (Promozione laziale). In mediana sono arrivati l’esterno Renzo Funes (proveniente dall’Amatrice), l’esperto Umberto Sassarini (già era stato un calciatore dell’Avezzano dal 2014 al 2017), Daniele Miocchi (classe 1997, ex Capistrello) e Valerio Pelino, centrocampista tuttofare che ben si è distinto tra i Nerostellati.

Il reparto avanzato presenta invece due nuovi profili di spessore: Alberto Di Virgilio e, dulcis in fundo, bomber Alessandro Pendenza che aveva appena raggiunto e superato i 100 gol con la maglia della Virtus Cupello ed è sicuramente uno tra gli attaccanti più forti e prolifici della categoria.

Con questi nuovi innesti il patron Paris e tutto il mondo avezzanese sono pronti a questa tanto attesa, quanto desiderata, ripartenza nella quale reciteranno un ruolo di primo grado per tornare immediatamente in Serie D.


Real Giulianova

Covid e rinvii, in Serie D salta Giulianova - Olympia Agnonese

Il Covid ostacola ancora la Serie D. Non si giocherà, infatti, la gara della ventiseiesima giornata tra Real Giulianova e Olympia Agnonese, inizialmente in programma mercoledì 14 aprile alle 15:00.

Tanti, troppi, i casi di positività nei molisani, che hanno già saltato le sfide con Recanatese e Vastese e che ora vedono slittare anche quelle con Tolentino e con i giallorossi. Una situazione che rievoca lo scenario del girone di andata, nello stesso frangente di campionato, quando un focolaio in casa granata provocò rinvii a ripetizione. La gara ora cerca una nuova collocazione temporale, molto probabilmente a maggio visti i tempi stretti imposti dalla riprogrammazione. Così, dunque, il Real giocherà nel weekend contro il Rieti per poi fermarsi fino al successivo fine settimana.

Nicolas Maranca


-3 alla nuova Eccellenza, le protagoniste: il Capistrello

Il Capistrello è ormai pronto alla ripresa del campionato di Eccellenza e si prepara al match di domenica 18 aprile, che lo vedrà in campo contro la Renato Curi Angolana. Nel primo weekend, i granata riposeranno come da calendario.

I marsicani daranno seguito alla linea adottata ad inizio stagione che li ha portati a raccogliere ben 9 punti in 7 partite (2 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte) con delle buone prestazioni: lasciar spazio e valorizzare i giovani del loro vivaio affiancandoli con profili di esperienza che permettano loro di migliorarsi ulteriormente per raggiungere al più presto la maturità dal punto di vista calcistico e personale.

A guidare il giovane gruppo non sarà più l’allenatore Gianluca Giordani, ma il cugino Paolo Giordani, dato che il primo, come comunicato dalla società, per motivi personali, non ha potuto dare seguito alla propria esperienza. Il neo-tecnico non è di certo nuovo da queste parti. Nel suo passato, infatti, si ricorda la grande cavalcata fatta dalla stagione 2010/11 a quella 2012/13 dando ai rovetani la massima categoria regionale partendo dalla Prima Categoria.

Per la squadra del presidente Francesco D’Amore quella dell’allenatore non è l’unica novità, poiché anche la rosa è stata in parte ritoccata rispetto all’inizio di stagione.

Non ci sarà uno dei protagonisti di inizio stagione, quell’Alberto Cirelli che aveva già messo a segno ben 5 gol con la casacca granata, ora trasferitosi al Pianura (Eccellenza campana).

Partendo dalle retrovie, Federico Fanti sarà il nuovo portiere. Per lui si tratta di un ritorno in granata, dopo la parentesi nella stagione 2012/13). Un profilo di indiscusso valore.

In mediana c’è il ritorno di Walter Cannatelli, punto di riferimento del calcio marsicano che in passato ha vestito le maglie di Avezzano (C1 e Eccellenza), Pescina, Paterno, Civitella Roveto e Capistrello (Eccellenza), Luco (Promozione), Villa San Sebastiano, Pucetta e San Benedetto Venere (Prima Categoria).

Altra new entry è il fuoriquota Stefano Di Norcia, profilo da seguire a detta degli addetti ai lavori.

Nel reparto avanzato, si annotano tre innesti molto importanti per i granata: Samuele Fulvi, esterno offensivo classe 1997 che a livello giovanile vanta esperienze con Brescia, Catania e Pescara (Primavera) ed è reduce dall’esperienza al Villa 2015; Daniele Di Girolamo, classe 1989 ex Luco e Sulmona; Enrico Cirelli attaccante (classe 1990) che ha conosciuto l’Eccellenza con il Monte San Giovanni Campano per poi giocare in Promozione con Sora, Anagni, Rosetana, ancora Monte San Giovanni e Piano Della Lente (24 reti). La sua attuale stagione era iniziata al Fontanelle di mister Capitanio, con cui aveva anche segnato una rete nel girone B di Promozione abruzzese.

Con queste mosse la società ha completato la rosa a disposizione di mister Paolo Giordani, confermando la linea verde e adattando il club per potersi confrontare al meglio contro tutte le avversarie che incontrerà nell’ormai imminente torneo di Eccellenza.


Penne, ai saluti D'Amico: «Un onore essere stato in questa piazza»

Cristian D’Amico lascia il Penne. L’estremo difensore biancorosso, che era arrivato nel club vestino nella stagione 2017/2018 dopo il biennio all’Acqua&Sapone, sceglie di cambiare maglia e valuta una nuova avventura. Lo ha annunciato lo stesso portiere classe 1996 con una nota sul proprio profilo Facebook che riportiamo di seguito.

Il saluto del portiere

«A distanza di 4 anni si conclude la mia avventura con il Penne calcio. Una decisione presa in largo anticipo, con le lacrime negli occhi. Ci tengo a ringraziare in primis Francesco D’addazio e Cristian Cacciatore, per me esempi di calcio ma soprattutto di vita. Tutti i compagni di squadra avuti in questi anni, diventati parte del mio quotidiano. Ringrazio il mio preparatore Gianluca Cantagallo con il quale ho passato gli anni più gratificanti della mia carriera fino ad ora grazie a un percorso di crescita calcistico e umano del quale la maggior parte dei meriti vanno a lui.

A seguire ringrazio la città di Penne, i tifosi che dall’inizio mi hanno fatto sentire a casa e sostenuto in ogni momento nella figura de “LI BIRRBUNE”  ,simpatizzanti e personaggi vari con cui ho condiviso una parte di vita che non dimenticherò mai. La società nelle figure di Fabrizio Vecchiotti, Giovanni Rossi e Peppino Mazzocco. I direttori sportivi e allenatori che in questi 4 anni sono passati da Penne, ognuno dei quali mi ha lasciato un bagaglio di insegnamenti del quale sarò sempre grato. Il cuore della penne calcio Enea Andreoli, il mio mental coach di fiducia Alessandro Casciani  e con loro tutte le persone che sono state a me vicine dai fisioterapisti capitanati da Raffaello Mezzaluna, i dirigenti accompagnatori e tutte le figure che ci hanno sempre permesso di lavorare nella maniera migliore possibile. Lascio dopo più di 100 partite, dopo tante soddisfazioni e anche qualche rimpianto.

Ho sempre cercato di onorare questa maglia, di mettere la mia squadra davanti a tutto e di difendere questi colori. Spero di venire ricordato prima che per il calciatore per l’uomo che ho cercato di dimostrare di essere, sarebbe la mia ultima vittoria con questa maglia, la più importante! Sento la necessità di una nuova avventura, ricca di stimoli e obbiettivi che mi permettano di proseguire il mio percorso di crescita professionale, pur cosciente che sarà difficile passare un quadriennio come quello appena conclusosi. Grazie Penne, è stato un onore».


Pineto

Serie D, il Pineto piazza un colpo pesantissimo: Montegiorgio ko 1-0!

Una rete di Minnozzi al 38′ del primo tempo permette al Pineto di mister Marco Pomante di espugnare l’ostico campo del Montegiorgio. I marchigiani non perdevano in casa dal 10 febbraio e si vedono avvicinare in classifica proprio dai pinetesi.

Il match, valido come recupero della tredicesima giornata, vede partire bene i biancazzurri, a caccia di riscatto e di una vittoria mai arrivata nella nuova era Pomante. Al 7′, tiro-cross di Minnozzi che chiama alla presa alta in corner Gagliardini. Al quarto d’ora Romano e il solito Minnozzi non concretizzano una velenosa azione offensiva, ma bisogna attendere il 38′ per il sigillo da 3 punti. Da Minincleri a Della Quercia, assist perfetto per il solito Minnozzi che fa 1-0 con la terza marcatura nelle ultime 4 sfide.

La ripresa vede il Montegiorgio cercare vanamente il gol in apertura con Cuccù, che spara alto. Gara in pieno controllo degli adriatici, al 75′ ci prova all’improvviso Della Quercia, il portiere salva. Nel finale, Lupoli e Cuccù sbattono su Mercorelli e al triplice fischio sorride il Pineto. Biancazzurri adesso a 22 punti, con un’altra gara recuperata e con un sorriso meritato dopo le difficoltà degli ultimi mesi di fronte al Covid.

Nicolas Maranca