Nel girone B di Promozione, fu il Penne ad aggiudicarsi l’approdo diretto in Eccellenza, dove tornò dopo l’ultima apparizione risalente alla stagione 2009/2010. I biancorossi totalizzarono 70 punti, frutto di 20 vittorie, 10 pareggi e 4 sconfitte.

I ragazzi di mister Castellano ebbero la meglio al termine di un torneo molto equilibrato.

 

Esordio positivo per il Penne che, davanti ai propri tifosi, sconfisse il Pro Sulmona 2-0 (doppietta di Mucci).

Anche nel secondo match, arrivò la vittoria (0-1) sul campo del Castiglione Val Fino: a decidere la contesa ci pensò Xhepa.

Dalla 3^ alla 5^ giornata, i pennesi raccolsero solo 2 punti, pareggiando a Fossacesia 1-1 (Ciarcelluti per gli ospiti e Sesay per i locali), in casa contro il Vasto Marina (1-1 / Di Pietro; Madonna) e rimediando un ko sul campo del Delfino Flacco Porto per 4-2 (tripletta di Maraschio e Casalena per la Flacco; doppietta di Mucci per i biancorossi).

Gli uomini di Castellano scivolarono così al quarto posto, a -4 dalla vetta occupata dal River Casale 65. Il successo contro quest’ultima (2-1), nella 12^ giornata, grazie ai centri di Reale e Mucci (per gli ospiti a segno Di Giovanni) permise al Penne di agguantare la vetta della classifica, in coabitazione con il Delfino Flacco Porto.

 

Il girone di andata si concluse con i biancorossi corsari sul campo del Silvi (0-1) con il guizzo di Pasta e con il pareggio a reti bianche del Delfino Flacco Porto sul campo del Torre Alex.

Le due rivali chiusero la prima parte di stagione in testa a pari punti (34), seguite dal Pro Sulmona a 32.

 

Nel 20^ turno, un gol in extremis di Cacciatore, permise ai pennesi di battere il Fossacesia e di allungare in classifica, approfittando del mezzo passo falso dei pescaresi sul campo del Castiglione Val Fino (2-2; doppiette di Romano e Maraschio).

Nel 22° incontro del torneo, Penne e Delfino Flacco Porto si trovarono faccia a faccia.

Una punizione di Ligocki costò caro ai padroni di casa che, nell’unico tiro in porta subito nell’arco dei novanta minuti di gioco, persero l’imbattibilità interna e videro avvicinarsi in classifica proprio i bianco azzurri, distanti un solo punto.

Sette giorni più tardi arrivò il secondo ko consecutivo sul campo del Villa 2015. Inutile il momentaneo vantaggio di Di Properzio; Argento e Misterioso rimontarono e chiusero il match sul 2-1.

 

La partita chiave della stagione, per i biancorossi, fu la trentunesima. Il Penne espugnò il campo del Castello 2000 per 2-0 grazie alle reti di Serafini e Mucci.

Il pareggio (1-1) del Passo Cordone, che nel frattempo era diventata la nuova antagonista al titolo dei pennesi, sul campo del Casalbordino (De Leonibus rimediò parzialmente al momentaneo vantaggio locale ad opera di Di Pasquale), permise agli uomini di Castellano di allungare a +1 sui rivali.

Nella penultima giornata, incredibilmente, persero entrambe: i biancorossi capitolarono a Fara San Martino (2-1 / doppietta di Di Vito e Di Properzio) e il Passo Cordone sul campo del River Casale 65 (3-1 / Antignani, Di Renzo e Criscolo; De Luca su rigore).

 

Passato lo spavento, nell’ultimo turno, il Penne chiuse i giochi.

Contro il Silvi arrivò una grande vittoria (3-0) che consentì ai pennesi di conquistare il ritorno in Eccellenza. Decisive le reti di Falone, Di Properzio e Mucci.

 

Niente da fare per il Passo Cordone che dovette accontentarsi della seconda piazza e dell’accesso diretto alla finale play-off in quanto distanziò la quinta in classifica (Il Delfino Flacco Porto) di 11 punti.

L’altro posto se lo contesero Casalbordino e Pro Sulmona, rispettivamente terza e quarta in graduatoria con 61 e 60 punti.

 

 

Play-off

 

Semifinale: Casalbordino-Pro Sulmona 0-1 (Tadic)

 

Finale: Passo Cordone-Pro Sulmona 1-0 (Corti)

Sul neutro di Sambuceto, il Passo Cordone si guadagnò l’accesso alla finale inter girone (contro i Nerostellati), battendo il Pro Sulmona 1-0 grazie al guizzo di Corti.

Spareggio salvezza con la seconda dell’altro girone, ossia i Nerostellati, a causa delle retrocessioni dalla serie D di Amiternina e Giulianova.

 

Finale inter girone: Nerostellati-Passo Cordone 2-0

Al “Mariani-Pavone” di Pineto, un super Guglielmo Dionisi, man of the match con una doppietta, regalò ai Nerostellati la promozione in Eccellenza dopo ben 23 anni.

Gli uomini di Matteo Di Marzio centrarono il prestigioso obiettivo al termine di un’ottima stagione, che li ha visti anche per qualche giornata in vetta al proprio girone.

Delusione, invece, per i ragazzi di mister Eugenio Natale che furono costretti a rimanere in Promozione nonostante il miglior attacco e la miglior differenza reti ottenute nel proprio girone.

 

 

Retrocessione

Quanto poi alla lotta per la permanenza nella categoria, a scendere direttamente in Prima Categoria fu il Pinetanova (ultimo con 30 punti).

Ai play-out si scontrarono Castiglione Val Fino (penultimo con 31 punti) e Palombaro (14° con 35 punti) e Villa 2015 (15° con 32 punti) e Virtus Ortona (16° con 31 punti).

 

Play-out

Semifinali: Palombaro-Castiglione Val Fino 0-1; Villa 2015-Virtus Ortona 2-0 (d.t.s.)

Il Palombaro non sfruttò il fattore campo e venne sconfitto dal Castiglione Val Fino 1-0. Fatale la rete di Colicchia che condannò gli uomini di Padolecchia a scendere di categoria.

L’altra semifinale, disputata al “Valle Anzuca” di Francavilla, si risolse a vantaggio del Villa 2015 soltanto ai tempi supplementari. Decisive le reti di Miele e Rapino che salvarono la loro squadra, costringendo alla retrocessione gli ortonesi.

 

Il Castiglione Val Fino, però, non poté dirsi ancora salvo.

Gli uomini del presidente Delle Monache dovettero affrontare un ulteriore spareggio contro il Notaresco, vincitore dei play-out del girone A di Promozione.

 

 

Finale Intergirone: Notaresco-Castiglione Val Fino 1-0

 

Allo stadio “Ughetto Di Febo” di Silvi, i rossoblù festeggiarono la salvezza. A decidere la contesa ci pensò, ancora una volta, De Patre.

Al contrario, invece, il Castiglione Valfino retrocesse in Prima Categoria.

 

 

Coppa Italia

La Coppa Italia di Promozione se l’aggiudicò il Sant’Omero che, al “Comunale” di Morro d’Oro, ebbe la meglio del Penne grazie ai gol realizzati da Del Grande e Camaioni.

Festa grande per i ragazzi allenati da Fabio Brunozzi per aver raggiunto questo ambito trofeo.

 

 

I NUMERI

Maggior numero di punti: Penne (70);

minor numero di punti: Pinetanova (30);

maggior numero di vittorie: Penne e Passo Cordone (20);

minor numero di vittorie: Virtus Ortona (6);

maggior numero di sconfitte: Villa 2015 (20);

minor numero di sconfitte: Penne (4);

maggior numero di pareggi: Silvi e Virtus Ortona (13);

minor numero di pareggi: Villa 2015 (5);

migliore media punti: Penne (2,05);

peggiore media punti: Pinetanova (0,88);

miglior attacco: Passo Cordone (63 reti);

miglior difesa: Penne (19 reti);

peggior attacco: Silvi (23 reti);

peggior difesa: Villa 2015 (63 reti);

migliore differenza reti: Passo Cordone +34;

peggior differenza reti: Pinetanova -31

 

Note: River Casale 65 ripescata in Eccellenza

 

 

Roberto Altorio