È l’Angizia Luco a trionfare nel girone A di Promozione al termine di un campionato combattuto e sempre in bilico. Gli uomini di mister Giordani accedono in Eccellenza con 75 punti in graduatoria, frutto di 23 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte.

 

Il girone di andata

Buona la prima per i biancoazzurri che, davanti ai propri tifosi, battono 3-0 il Tossicia grazie alle reti di Di Girolamo, Shero e Margagliotti.

Sette giorni più tardi arriva il primo ko in stagione: il Real 3C Hatria vince di misura (2-1) tra le mura amiche. Al vantaggio ospite di Mergagliotti risponde la doppietta di Carpegna.

Alla 3^ giornata l’Angizia Luco registra anche il primo segno X della sua stagione. Al “Comunale” di Luco dei Marsi finisce 2-2 il match contro la Rosetana. I due gol ospiti di Cirelli riprendono il doppio vantaggio locale siglato da Cinquegrana e Di Girolamo.

Con quattro vittorie consecutive (due in trasferta con il San Gregorio e Borgo Santa Marina entrambe per 0-2 e due in casa 1-0 contro il Sant’Omero e 5-1 sul Tornimparte), i luchesi agguantano il secondo posto, a 4 punti di distanza dalla capolista Castelnuovo, fino a quel momento perfetta (7 vittorie su altrettanti incontri).

La resa dei conti tra le due compagini si conclude con un nulla di fatto. In terra marsicana le due squadre si equivalgono e il match si conclude a reti bianche.

La prima parte di campionato si conclude con la preziosa vittoria dei biancoazzurri sul campo del Morro d’Oro (1-2). Di Girolamo e Moro permettono ai suoi di portare a casa i tre punti e di mantenere la scia del Castelnuovo, distante 4 lunghezze e trionfante con un roboante 7-0 a Sant’Omero. Con questo successo, i neroverdi si laureano campioni d’inverno con 41 punti in graduatoria.

 

Il girone di ritorno

Il girone di ritorno inizia bene per l’Angizia Luco che batte in trasferta 2-0 il Tossicia e, approfittando del passo falso del Castelnuovo sul campo del Borgo Santa Maria (2-1), si avvicina alla vetta, lontana solo un punto.

Nel 22° incontro arriva anche il primato. I marsicani strapazzano (5-0) il Sant’Omero in terra vibratiana e si prendono il primo posto in classifica grazie anche alla sconfitta interna del Castelnuovo (1-2 contro il Montorio).

Una settimana più tardi i ragazzi di Giordani si sbarazzano della pratica Borgo Santa Maria per 2-0 (doppietta di Di Girolamo) e allungano in classifica dato il secondo ko consecutivo dei neroverdi (4-1 sul campo del Fontanelle). La Nuova Santegidiese con il successo tra le mura amiche contro il Mosciano (2-1) si piazza alle spalle dei biancoazzurri.

Alla 24^ giornata il Castelnuovo si aggiudica il big match contro la Nuova Santegidiese e si riprende la seconda posizione. Decisiva la rete di Ciannelli. L’Angizia Luco non si lascia intimorire e risponde con una vittoria a Tornimparte (0-1; Moro), allungando a più cinque in classifica.

Biancoazzurri e neroverdi si trovano difronte al 26° turno: Mauti al 92’ riacciuffa l’iniziale vantaggio teramano di Ciminà e permette ai suoi di uscire indenni dalla pericolosa trasferta e di mantenere il primo posto.

La svolta arriva al 29° turno. I luchesi sconfiggono nettamente in casa la Nuova Santegidiese (3-0).

La doppietta del bomber Di Girolamo e il gol di Briciu permettono agli uomini di Giordani di portarsi a +10 sul Castelnuovo, caduto a Morro d’Oro (1-2) sotto i colpi di Bizzarri e Aureli.

La corsa dell’Angizia Luco si interrompe bruscamente nelle successive tre partite: ko sul campo del Piano della Lente (1-2), pareggio a reti bianche sul terreno del Pucetta e sconfitta interna (1-2) contro il Mutignano.

I teramani non stanno a guardare e inanellano tre vittorie consecutive (Castelnuovo-Tossicia 2-0, Real 3C Hatria-Castelnuovo 1-2, Castelnuovo-Rosetana 3-1), portandosi a due punti dai marsicani.

I biancoazzurri non sbagliano negli ultimi due incontri e con il successo tra le mura amiche, nell’ultimo match della stagione, contro il Morro d’Oro (2-1) festeggiano la vittoria del titolo e la promozione in Eccellenza.

Decisive le reti di Moro e Shero. Inutile la rete morrese di Ettorre.

 

Delusione per il Castelnuovo che dopo un campionato giocato punto a punto con gli uomini di Giordani, deve accontentarsi della seconda posizione a quota 73 punti.

In terza e in quarta posizione il Piano della Lente e la Nuova Santegidiese, rispettivamente con 70 e 68 punti. Le due squadre si scontrano alla semifinale play-off per decretare chi avrebbe raggiunto in finale il Castelnuovo, che non disputa lo spareggio promozione con il Fontanelle (5° con 61 punti) dati i dodici punti di distacco tra le due compagini.

 

Play-off

Semifinale: Piano della Lente-Nuova Santegidiese 2-4

Allo stadio di Torricella Sicura è la Nuova Santegidiese a vincere e ribaltare il verdetto della classifica. Ci pensano Rosa (doppietta per lui), Traini e Di Blasio ad assicurare il posto in finale ai giallorossi. Inutili le reti biancoazzurre di De Angelis e Sacchetti.

 

Finale: Castelnuovo-Nuova Santegidiese 1-1 (d.t.s.)

Al “Fadini” di Giulianova, i vibratiani passano al 34’ del primo tempo con il sigillo in ripartenza di Traini. Ci pensa De Rosa al 49’ a riequilibrare il match e a garantire ai suoi l’accesso al campionato di Eccellenza, ottenuto grazie al miglior posizionamento nella regular season.

Festa grande per gli uomini del presidente Di Flaviano che, dopo 23 anni, tornano nel massimo campionato regionale.

Delusione per i giallorossi di mister De Amicis che, dopo un’ottima stagione, sono costretti a rimanere nel campionato di Promozione.

 

Retrocessione

Nella parte meno nobile della graduatoria, retrocedono direttamente lo Sportland Celano (ultimo con 18 punti) e il Tossicia (penultimo con 25 punti) a causa del ritardo di 16 lunghezze dal Mosciano (14° con 41 punti). A loro si aggiunge anche il Sant’Omero Palmense (15° con 32 punti) dopo la disputa dei play-out contro il Tornimparte (16° con 28 punti).

 

Play-out

Finale: Sant’Omero Palmense-Tornimparte 0-3

Al “Comunale” di Sant’Omero a far festa sono i numerosi tifosi aquilani a far festa. I biancorossi vincono nettamente 3-0 grazie alla doppietta del man of the match Lorenzo Altobelli e al gol di Coletti. Con questo successo gli uomini di Guido Tarquini mantengono la categoria. Discorso inverso per i vibratiani che retrocedono in Prima Categoria.

 

Coppa “Nello Mancini”

È il Lanciano 1920 a portarsi a casa la sedicesima edizione del trofeo. I rossoneri, tra le mura amiche, vincono 3-2 contro l’Angizia Luco in un match ricco di gol ed emozioni. Quintiliani, Sardella e Cianci portano i lancianesi avanti di 3 gol. I biancoazzurri riaprono l’incontro con i gol di Venditti e Moro ma non riescono a pareggiare la contesa.

 

Classifica Marcatori

28 reti: Daniele De Angelis (Piano Della Lente);

26 reti: Vincenzo De Rosa (Castelnuovo);

18 reti: Fernando Montiel (Fontanelle), Stefano D’Egidio (Piano Della Lente)

 

 

I NUMERI

Maggior numero di punti: Angizia Luco (75);

minor numero di punti: Sportland Celano (18);

maggior numero di vittorie: Angizia Luco (23);

minor numero di vittorie: Sportland Celano (5);

maggior numero di sconfitte: Sportland Celano (26);

minor numero di sconfitte: Virtus Teramo e Pontevomano (4);

maggior numero di pareggi: Celano (13);

minor numero di pareggi: Angizia Luco, Castelnuovo (5);

migliore media punti: Angizia Luco (2,20);

peggiore media punti: Sporting Celano (0,52);

miglior attacco: Castelnuovo (75 reti);

miglior difesa: Angizia Luco (20 reti);

peggior attacco: Sportland Celano (23 reti);

peggior difesa: Sportland Celano (77 reti);

migliore differenza reti: Angizia Luco +40;

peggior differenza reti: Sportland Celano -54

 

Roberto Altorio