Il girone A di Promozione se lo aggiudicò, per la seconda volta nella sua storia, il Martinsicuro che bissò il successo della stagione 2009/2010.

Gli uomini di mister Vagnoni conclusero il campionato con 76 punti all’attivo: 23 vittorie, 7 pareggi e 4 sconfitte.

Inizio di stagione straripante per i bianco-blu che ottennero cinque vittorie consecutive, subendo solo due gol: nelle goleade contro lo Jaguar Angizia Luco (5-1) e contro il Sant’Omero Palmense (6-1).

Nel girone di andata, il Martinsicuro venne sconfitto solo a Notaresco (0-2) e venne bloccato sul pareggio in tre occasioni: 2-2 sul campo del Mutignano, 1-1 interno contro la Polisportiva Controguerra e 4-4 in casa contro il Mosciano.

Non ci furono sorprese nella seconda parte del torneo, con i martinsicuresi che racimolarono 30 punti e festeggiarono il salto in Eccellenza con diversi turni di anticipo.

Il Paterno si piazzò al secondo posto con 65 punti e si qualificò direttamente per la finale play-off, avendo un vantaggio di 11 punti dalla quinta in graduatoria, ovvero il Notaresco.

Ai play-off parteciparono anche il Fontanelle (terzo con 62 punti) e il Pontevomano (quarto con 59 punti).

 

Play-Off

Semifinale: Fontanelle-Pontevomano 0-1 (Angelozzi)

 

Finale: Paterno-Pontevomano 3-2 (dopo i tempi supplementari)

Sul campo neutro “Petruzzi” di Città Sant’Angelo, il Paterno vinse 3-2 contro il Pontevomano dopo i tempi supplementari, grazie alla doppietta di Aquino e al gol di Cannatelli, arrivato al minuto 117. Inutili per i teramani l’autogol di Martini e il gol di Ciannelli.

Con questo successo, gli uomini del presidente Angelo Di Gregorio si guadagnarono la finale play-off inter-girone, dove affrontarono la vincente dell’altro raggruppamento, ovvero la Torrese. Match necessario per le due retrocessioni avvenute dalla Serie D, della Renato Curi Angolana e del Sulmona, sconfitta nel play-out tutto aquilano dall’Amiternina (0-3).

 

Finale Intergirone: Paterno-Torrese 3-0 (0-0)

Al “Vincenzo Savini” di Notaresco, andò in scena la sfida tra Paterno e Torrese per sancire la terza squadra promossa in Eccellenza.

La partita, con non molti sussulti, si avviò verso i supplementari ma a dieci minuti dal termine, un’errata valutazione arbitrale spianò la strada ai marsicani.

L’arbitro, richiamato dal suo assistente, assegnò un rigore al Paterno (trasformato da Campanile) per un tocco di braccio ma della casacca sbagliata.

Vane le proteste di tutti i giocatori della Torrese che, a questo punto, si disunirono, offrendo ai nero-blu la possibilità di arrotondare il risultato e legittimare la vittoria.

Forti del vantaggio, i ragazzi di Fabio Iodice, raddoppiarono con Aquino e, infine, triplicarono con Cordischi, conquistando la promozione in Eccellenza.

Amarezza per la Torrese che dopo un’ottima stagione, condita dalla miglior difesa del girone B in coabitazione con Borrello e Val di Sangro, dovette restare nella categoria.

 

Il tabellino del match:

PATERNO: Di Girolamo, Marinucci, Paolini, Idrofano M., Martini, Iezzi, Cordischi, Danese, Aquino, Campanile (40’st Idrofano S.), Cannatelli (37’st Como). Allenatore: Fabio Iodice

TORRESE: Zampacorta, D’Alonzo, Scariti, Sciarra, Bassano, Di Bartolomeo, Argento (38’st Corti), Ciovacco (37’st Di Fazio), Sabatini, Zaccagnini (27’st Marulli), Nardone. Allenatore: Eugenio Natale

Arbitro: Valerio Vitucci di Sulmona (Cialini e Recchiuti di Teramo)

Reti: 35’st Campanile su rigore, 41’st Aquino, 48’st Cordischi

Espulsi: al 45’st Idrofano S. (Paterno) e Corti (Torrese) per reciproche scorrettezze

Ammoniti: Idrofano M. e Cannatelli (Paterno); Argento, Di Bartolomeo e Sciarra (Torrese)

 

Retrocessione

Quanto poi alla lotta per la permanenza nella categoria, a scendere direttamente in Prima categoria furono l’Hatria (ultimo con 21 punti) e la Valle Aterno Fossa (penultima con 24 punti).

Lo stesso destino capitò, dopo la disputa dei play-out al Real Carsoli, quartultimo.

Il Tossicia, quattordicesimo in graduatoria, si salvò direttamente senza disputare lo spareggio salvezza con la Valle Aterno Fossa, diciassettesima ma con 18 punti di distacco dai teramani.

 

Play-Out

Real Carsoli-Sant’Omero Palmense 1-3 (2 Del Grande, Di Massimo; Lupo su rigore)

 

Con questo risultato, il Real Carsoli retrocesse in Prima categoria mentre il Sant’Omero Palmense dovette affrontare il Lauretum, vincitore dei play-out del girone B, nella finale play-out intergirone.

 

Finale Play-Out Intergirone

Lauretum – Sant’Omero Palmense (0-0, 4-1 d.c.r)

 

Sul neutro “Ughetto Di Febo” di Silvi, i novanta minuti vennero vinti dalla paura, con le due squadre che non riuscirono a sbloccare il match, restando sullo 0-0.

Furono i rigori a decretare il Lauretum vincente, condannando alla retrocessione il Sant’Omero (poi ripescato insieme al Real Carsoli).

 

Coppa “Nello Mancini”

Fu il Martinsicuro a vincere l’undicesima Coppa “Nello Mancini, battendo in finale (allo stadio “Fattori” dell’Aquila) il Borrello per 2-1.

Decisive le reti siglate da Travaglini e Piunti; inutile la rete di Fiorotto per i chietini.

Al triplice fischio finale, festa in casa biancazzurra, con gli uomini di Roberto Vagnoni che realizzano la loro personale doppietta: campionato e Coppa Mancini.

 

Note: Team 604 non si iscrisse al successivo campionato

Angizia Luco: rinunciò alla promozione e si iscrisse al campionato di Prima categoria.

 

 

I NUMERI

Maggior numero di punti: Martinsicuro (72);

minor numero di punti: Hatria (21);

maggior numero di vittorie: Martinsicuro (22);

minor numero di vittorie: Hatria (6);

maggior numero di sconfitte: Hatria (25);

minor numero di sconfitte: Paterno (5);

maggior numero di pareggi: Paterno e Polisportiva Controguerra (11);

minor numero di pareggi: Valle Aterno Fossa e Hatria (3);

miglior media punti: Martinsicuro (2,11);

peggior media punti: Hatria (0,61);

miglior attacco: Martinsicuro (72 reti);

miglior difesa: Fontanelle (30 reti);

peggior attacco: Hatria (27 reti);

peggior difesa: Valle Aterno Fossa (76 reti);

miglior differenza reti: Martinsicuro +40;

peggior differenza reti: Hatria -40

 

Roberto Altorio