Dopo gli spareggi persi contro il Mosciano nella passata edizione, ad aggiudicarsi questa, a distanza di soli dodici mesi, fu la Pro Castel di Sangro allenata da Emidio Oddi (nella foto), nelle cui fila militavano due “fedelissimi” giallorossi come Claudio Bonomi e Tonino Martino, protagonisti anche del celebre Castello che militò in serie B. Un successo da dominatori, come si evince dagli 81 punti complessivi, frutto di 25 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte. Al secondo posto, con ben 11 punti di ritardo, si piazzò il Luco dei Marsi, costretto per il secondo anno di fila, alla disputa dei play-off, che daranno questi risultati. Semifinali: Colonnellese-Luco dei Marsi 3-0; Luco dei Marsi-Colonnellese 0-3; Rosetana-Amiternina 0-0; Amiternina-Rosetana 0-0. Finale (che da quest’anno in poi sarà disputata in campo neutro, dando però alla squadra meglio piazzata nel corso della regular season, il vantaggio di due risultati su tre): Amiternina-Colonnellese 2-0, giocata a Morro d’Oro e caratterizzata dalle reti di Giuseppe Cavalli e Mario Scafati. La promozione in serie C2 del Pescina Valle del Giovenco, parzialmente bilanciata però dalla contemporanea retrocessione (in Eccellenza) del Penne (condannato ai play-out dal Centobuchi), costrinse però l’Amiternina allo spareggio contro la seconda dell’altro raggruppamento: il Casoli che sul neutro di Silvi Marina si dimostrò più forte degli aquilani, aggiudicandosi il match con un secco 3-0, frutto delle reti (una a testa) di Campli, Mainella e Sesay.

Emidio Oddi (allenatore Pro Castel di Sangro)

Quanto poi ai bassifondi, a retrocedere direttamente fu il Tagliacozzo, con 24 punti all’attivo, seguito mediante i play-out dalla Fucense Trasacco (penultima) e dal Tortoreto (quart’ultimo), alla sua seconda retrocessione di fila, dopo il ripescaggio. Da segnalare come, per l’occasione, i play-out dovettero essere preceduti da uno spareggio preliminare, volto a determinare la quint’ultima piazza, toccata al Castelnuovo Vomano, sconfitto per 5-4 ai rigori (1-1 il risultato dei tempi regolamentari) dal Mosciano, salvo. Questo, invece, l’esito dei successivi play-out: Fucense Trasacco-Castelnuovo Vomano 2-1; Castelnuovo Vomano-Fucense Trasacco 1-0 (padroni di casa salvi per il miglior piazzamento nella regular season); Pontevomano-Tortoreto 1-1; Tortoreto-Pontevomano 0-1.

I NUMERI. Maggior numero di punti: Pro Castel di Sangro (81); minor numero di punti: Tagliacozzo (24); maggior numero di vittorie: Pro Castel di Sangro (25); minor numero di vittorie: Fucense Trasacco e Tagliacozzo (6); maggior numero di sconfitte: Tagliacozzo (24); minor numero di sconfitte: Luco dei Marsi (2); maggior numero di pareggi: Luco dei Marsi (16); minor numero di pareggi: Sant’Omero Palmense (5); migliore media punti: Pro Castel di Sangro (2,25); peggiore media punti: Tagliacozzo (0,66); miglior attacco: Pro Castel di Sangro (75 reti); miglior difesa: Amiternina (23 reti); peggior attacco Sant’Omero Palmense (27 reti); peggior difesa: Tagliacozzo (75 reti).

Roberto Altorio