Terminata in estate l’esperienza all’Alba Adriatica con il quarto posto raggiunto in classifica prima dello stop inflitto al torneo causa emergenza sanitaria, il tecnico Adolfo Cichella (in foto), ai microfoni di Abruzzo Calcio Dilettanti, ha analizzato a 360 gradi il massimo campionato regionale, parlando anche della sua recente avventura tra le fila albensi.

 Un’Eccellenza spettacolare

«Già quest’estate immaginavo si trattasse di un campionato veramente molto competitivo data la presenza di nobili decadute come Avezzano, L’Aquila, Chieti e Lanciano. A queste poi vanno ad aggiungersi squadre importanti ed esperte come Torrese, Alba Adriatica e Nereto. Peccato che il virus abbia interrotto un simile spettacolo, non consentendo all’Eccellenza di entrare nel vivo. Quando si ripartirà, sicuramente cambieranno molte cose e i valori potrebbero essere stravolti. Un altro fattore da tenere in considerazione, alla ripartenza, è la lunga finestra invernale del calciomercato: una squadra come il Lanciano non può proseguire con questo andamento e credo che si muoverà sul mercato».

Cichella si è espresso anche sulla squadra favorita alla vittoria finale nel massimo campionato regionale: «A mio avviso, le squadre candidate alla vittoria finale sono tre e sono quelle più strutturate: L’Aquila, Avezzano e Chieti. I rossoblù, in particolare, mi avevano fatto una buona impressione, dandomi l’idea di una compagine molto forte e attrezzata per arrivare in Serie D. Occhio alle sorprese. Un club che può migliorare le sue prestazioni è la Renato Curi Angolana, perché è un’ottima squadra».

Il tecnico ha parlato, poi, della sua ex squadra, l’Alba Adriatica: «Sono molto contento dell’avvio di campionato positivo. Auguro loro tutte le migliori fortune per il prosieguo della stagione. Con la società ci siamo lasciati bene ed ho un ottimo rapporto con alcuni giocatori come Fabrizi e Di Nicola. Lo scorso anno abbiamo fatto un ottimo lavoro e avevamo una rosa con dei valori importanti. Infatti, molti dei ragazzi che ho avuto lo scorso anno sono approdati in categorie superiori come Foglia, Emili, Cichella e Pantoni».

L’ex allenatore, tra le altre, di Sangiorgese, Hatria, Silvi, Cuprense e Grottammare, è intervenuto anche sul tema del momento, ovvero la ripartenza dei campionati: «Spero vivamente che l’Eccellenza possa ripartire a febbraio. Forse per gli altri campionati è un pochino più difficile. Purtroppo, ci sono tanti ragazzi e famiglie che vivono grazie al calcio e, rimanere fermi senza poter giocare, di certo non li ha aiutati. Non poter scendere in campo è un problema anche per le società. Sono convinto che quando ci saremo lasciati questo periodo alle spalle, assisteremo ad un ridimensionamento generale nel calcio».

Nonostante qualche contatto, Adolfo Cichella è alla finestra, alla ricerca di una nuova esperienza in panchina: «Spero di poter tornare ad allenare il prima possibile. Ho avuto contatti con qualche società, ma con nessuna di queste ho raggiunto l’accordo. Tornare nel campionato di Eccellenza abruzzese è la mia priorità. Dovesse arrivare una proposta da squadre di categorie superiori, la prenderei ugualmente in considerazione».

[Foto pagina Facebook Alba Adriatica: https://bit.ly/2KFcdvs]

Andrea Spaziani

Rubriche